13.9 C
Belluno
martedì, 31 Marzo, 2020
Home Cronaca/Politica Guida senza patente, indagato un pakistano. Multa di 7.500 euro a un...

Guida senza patente, indagato un pakistano. Multa di 7.500 euro a un 24enne dell’Alpago per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti

Nella notte del 20 febbraio alle ore 01.45 circa in zona Baldenich, la volante di turno, durante la normale perlustrazione finalizzata al controllo del territorio e al contrasto dei furti nelle abitazioni nonché al rispetto delle norme del Codice della Strada degli automobilisti, procedeva alla verifica di un’auto proveniente da via Medaglie d’Oro. Il controllo avveniva innanzi alla sala slot “EWinGo”, sita in via Vittorio Veneto e durante il medesimo il conducente, fin da subito, manifestava un certo nervosismo e alla richiesta di esibire la patente di guida, dopo aver temporeggiato per alcuni secondi, confessava di non averla mai conseguita né in Italia né tantomeno nel suo Paese d’origine. Da alcuni approfondimenti poi emergeva che il soggetto già in altre due circostanze, utilizzando però autovetture diverse, era stato “beccato” alla guida e precisamente nell’ottobre del 2018 e nell’agosto del 2019. Trattandosi di un nuovo illecito, con la reiterazione nel biennio, agli agenti procedevano al deferimento del pakistano alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’art. 116 c. 15 e 17 del codice della strada e a porre sotto sequestro l’Alfa Romeo 147. Ora il cittadino extracomunitario, residente in città, rischia la pena dell’arresto fino ad 1 anno o in alternativa l’affidamento ai servizi sociali

Si è concluso con un decreto penale di condanna il procedimento a carico di Z.E. di anni 24, residente in Alpago, per aver condotto, a marzo del 2018, un’auto in questo centro cittadino dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti. Nell’occasione una “volante” della Questura, in ore serali, lo aveva controllato mentre conduceva un Opel Corsa, con a bordo altri tre ragazzi. Gli agenti durante il controllo notavano che il soggetto appariva disorientato, con evidenti difficoltà di coordinazione dei movimenti, lento nel rispondere alle domande che gli venivano rivolte e in particolare presentava le pupille dilatate, dettaglio non trascurato dai poliziotti. Durante l’attività venivano rinvenuti all’interno del mezzo due grinder (tipico arnese utilizzato per sminuzzare la marijuana) contenenti ancora una piccola quantità della sostanza in questione, che poi il giovane asseriva di aver comprato poco prima al Parco città di Bologna. Il conducente, in ossequio alla specifica normativa del Testo unico sugli stupefacenti del codice della strada, veniva condotto presso il Pronto Soccorso dell’ospedale “San Martino” di Belluno per il prelievo ematico, che in seguito confermava l’assunzione della sostanza stupefacente (cannabinoidi). Nello svolgimento dell’attività gli operatori dell’UPGSP sequestravano anche penalmente un coltello pieghevole, a lama retrattile, della lunghezza complessiva di 17 centimetri che il guidatore deteneva nella pronta disponibilità avendolo posto nel vano porta oggetti della portiera, per la propria difesa personale.
In seguito il Giudice, per l’illecito penale di cui all’art. 187 del codice della strada, lo ha condannato, dando esecuzione al decreto penale citato richiesto del P.M., alla pena di € 7.500 di ammenda (pena sospesa ed inammissibilità all’opposizione), con la sospensione della patente per anni 1 e la confisca dell’autovettura.

Share
- Advertisment -

Popolari

Wanbao Acc Mel. Donazzan al ministro Patuanelli: “Sconcertati per la scelta del commissario che disattende 6 mesi di gestione collaborativa”

Venezia, 31 marzo 2020  -  L’assessore al lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan, chiede un incontro con il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli in...

Non usate candeggina per pulire le strade. La segnalazione del WWF Belluno Treviso

Leggiamo nelle vostre pagine dell'iniziativa della provincia di Belluno relativa alla sanificazione delle strade. La cosa lascia alquanto perplessi, perché un provvedimento dai dubbi...

Coronavirus e truffe raccolta fondi e beneficenza. L’allerta della Polizia Postale

Se qualsiasi crimine contro il patrimonio è un atto sbagliato e da censurare, alcuni lo sono particolarmente, specialmente quando riguardano la beneficenza e gli...

La pittrice bellunese Rosanna Cecchet al Tgcom24

Viene da Feltre, Rosanna Cecchet, artista di Spoleto Arte, associazione culturale presieduta da Salvo Nugnes. Con i suoi dipinti sarà al centro del nuovo...
Share