5.3 C
Belluno
venerdì, 28 Febbraio, 2020
Home Prima Pagina Questo non è amore. Inaugurata all'Istituto "Catullo" la mostra per la sensibilizzazione...

Questo non è amore. Inaugurata all’Istituto “Catullo” la mostra per la sensibilizzazione contro la violenza di genere

Istituto “Catullo” – Belluno

Inaugurata, al Liceo Artistico di Belluno “Catullo”, la mostra delle opere d’arte consegnate dagli alunni del IV e V anno del medesimo istituto nell’ambito del concorso promosso dalla Polizia di Stato della Questura di Belluno, all’interno della campagna di sensibilizzazione denominata “Questo non è amore”.

E’ stata inaugurata oggi, alla presenza delle autorità e dei responsabili delle associazioni che quotidianamente sono impegnate a difesa delle categorie vulnerabili (Belluno Donna, Auser, Dafne, Soroptimist, UNICEF e FIDAPA), la mostra delle opere d’arte realizzate dagli alunni del IV e V anno del Liceo Artistico Catullo di Belluno, nell’ambito del concorso promosso dalla Polizia di Stato della Questura di Belluno, rientrante nell’iniziativa nazionale denominata “Questo non è amore”.

La mostra, che sarà visitabile presso il chiostro dell’antico edificio che ospita il liceo artistico Catullo, rimarrà aperta, da oggi sino all’8 marzo p.v., tutti i pomeriggi dalle 14:00 alle 19:00, dal lunedì al venerdì.

Le opere d’arte sono ispirate all’impegno nel campo della prevenzione della violenza di genere.

Durante la cerimonia di apertura, è stata inoltre “scoperta” una scultura lignea creata da un anonimo artista poliziotto denominata “…Questo non è amore” , dall’omonima campagna di sensibilizzazione.

L’opera sarà il primo ed unico premio della lotteria, curata dalla Questura, finalizzata alla raccolta di fondi da destinare all’impegno nella prevenzione e contrasto della violenza di genere tramite il centro Antiviolenza “Belluno Donna”.

Adriana Cogode – Prefetto di Belluno

Nel suo saluto ai presenti il prefetto di Belluno, Adriana Cogode, si è complimentato per la passione e l’impegno con cui gli studenti sono riusciti ad esprimere autentica forza emotiva attraverso lavori artistici ricchi di significato e carichi di messaggi di attenzione e partecipazione sul tema della violenza di genere. Ha in particolare apprezzato la scrupolosità con la quale i ragazzi si sono immedesimati nel dramma della solitudine e dell’odio, lasciando però intravedere spiragli di luce e di speranza, grazie alla cultura ed all’impegno sempre crescenti verso la tutela delle donne.

L’iniziativa, cui la Polizia di Stato ha dedicato grande impegno, è stata anche utile occasione per riaffermare la coesione tra scuola e istituzione nel condividere percorsi di crescita civile.

Share
- Advertisment -

Popolari

Due cadute dalla seggiovia nel comprensorio del Civetta

Val di Zoldo, 27 febbraio 2020  -  Due cadute a un'ora di distanza una dall'altra dalla seggiovia in Val di Zoldo, comprensorio del Civetta. La...

Incidente sul lavoro. Precipita da 6 metri, ricoverato all’ospedale di Treviso

San Gregorio nelle Alpi 27 febbraio 2020 - Grave incidente sul lavoro nel primo pomeriggio di oggi in via Cal Longa di San Gregorio...

Neri Marcorè al Comunale di Belluno il 15 aprile con il concerto-spettacolo “Le mie canzoni altrui”

Mercoledì 15 aprile (ore 21) Veneto Jazz porta al Teatro Comunale di Belluno il concerto-spettacolo di Neri Marcorè "Le mie canzoni altrui", una serata...

Coronavirus, contrordine. “Solo 116 positivi su oltre 6mila tamponi”, l’assessore regionale Lanzarin ridimensiona il caso

Venezia, 27 febbraio 2020  -  “Si sta decidendo in queste ore se reiterare l’ordinanza regionale per il coronavirus, ed eventualmente in quali termini. Ma anche...
Share