5.3 C
Belluno
venerdì, 28 Febbraio, 2020
Home Prima Pagina Alpinismo, Patrimonio culturale immateriale Unesco: cosa cambia nell'economia della nostra montagna

Alpinismo, Patrimonio culturale immateriale Unesco: cosa cambia nell’economia della nostra montagna

A dicembre, in occasione della Giornata Internazionale della Montagna, l’Alpinismo è entrato ufficialmente a far parte del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità sotto l’egida dell’Unesco: la Commissione speciale dell’organizzazione dell’Onu l’ha iscritto nella lista dei beni immateriali definendolo come “l’arte di scalare le montagne e le pareti rocciose, grazie a capacità fisiche, tecniche e intellettuali”.
Un risultato fortemente voluto dal Club Alpino Italiano insieme a quello svizzero e francese. Una naturale evoluzione per questa attività – e soprattutto per gli alpinisti e per i fruitori della montagna – che deve essere digerita nel tempo ma alla quale è doveroso riconoscerne il valore umano, l’etica, la cultura, l’attenzione all’ambiente oltre alle indiscusse e necessarie doti tecniche e fisiche per affrontarla al meglio
Quali ricadute potranno esserci sull’economia della montagna bellunese? Questo riconoscimento può essere l’occasione per riflettere sul concetto di “montanità”, inteso come il grado di disagio reale ed esistente percepito dagli abitanti delle Terre Alte che si sentono penalizzati e, come succede molto spesso, indotti ad andarsene.

L’alpinista che frequenta la montagna bellunese non sempre si rende conto che la bellezza del paesaggio, l’alternanza di bosco, radure e pascoli, la tipica architettura rurale sono frutto del sacrificio di intere generazioni. Ma a quale prezzo? Il problema principale è lo spopolamento: la velocità dell’evoluzione sociale implica l’abbandono della montagna da parte dei giovani. Gli anziani di età superiore ai 65 anni rappresentano ormai il 34 per cento della popolazione totale. È necessario quindi garantire agli abitanti della montagna bellunese le stesse opportunità di cui godono quelli delle zone urbane. Nelle Terre Alte ci sono zone che non hanno accesso a Internet né a bassa né ad alta velocità, ci sono problematiche nell’accesso ai semplici servizi telefonici, televisivi e radiofonici, per non parlare dei trasporti, dei presidi ospedalieri e scolastici e di giustizia. La politica si sta occupando di questa problematica: è stata presentata proprio in questi giorni una mozione per la valorizzazione delle aree interne, rurali e montane. La sfida è grande ma non impossibile: le potenzialità offerte dalla montagna bellunese e dai suoi abitanti ci sono. Alpinismo e montanità possono procedere insieme nel cammino verso il riconoscimento della specificità del territorio bellunese.

Larissa Roncaglia

Nella foto: Paesaggio montano (ph Larissa Roncaglia)

Share
- Advertisment -

Popolari

Due cadute dalla seggiovia nel comprensorio del Civetta

Val di Zoldo, 27 febbraio 2020  -  Due cadute a un'ora di distanza una dall'altra dalla seggiovia in Val di Zoldo, comprensorio del Civetta. La...

Incidente sul lavoro. Precipita da 6 metri, ricoverato all’ospedale di Treviso

San Gregorio nelle Alpi 27 febbraio 2020 - Grave incidente sul lavoro nel primo pomeriggio di oggi in via Cal Longa di San Gregorio...

Neri Marcorè al Comunale di Belluno il 15 aprile con il concerto-spettacolo “Le mie canzoni altrui”

Mercoledì 15 aprile (ore 21) Veneto Jazz porta al Teatro Comunale di Belluno il concerto-spettacolo di Neri Marcorè "Le mie canzoni altrui", una serata...

Coronavirus, contrordine. “Solo 116 positivi su oltre 6mila tamponi”, l’assessore regionale Lanzarin ridimensiona il caso

Venezia, 27 febbraio 2020  -  “Si sta decidendo in queste ore se reiterare l’ordinanza regionale per il coronavirus, ed eventualmente in quali termini. Ma anche...
Share