2.8 C
Belluno
venerdì, 28 Febbraio, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Bando negozi di vicinato. Presentati gli esiti: ammesse 96 domande su 104

Bando negozi di vicinato. Presentati gli esiti: ammesse 96 domande su 104

Palazzo Piloni sede della Provincia

La Provincia di Belluno ha presentato questa mattina in conferenza stampa gli esiti del “Bando per garantire i servizi essenziali nelle aree marginali”.

Un progetto nato con la finalità precisa di aiutare i negozi di vicinato a resistere anche nelle aree montane, attraverso il potenziamento dell’offerta e la polifunzionalità. Il bando, finanziato dal Fondo Comuni di Confine per 1 milione di euro e dalla Provincia con ulteriori 500mila euro, è stato gestito dagli uffici di Palazzo Piloni, avvalendosi della collaborazione tecnica della Camera di Commercio (a cui la Provincia ha erogato un contributo di 50mila euro) e di Confcommercio.

Le domande pervenute sono 104, quelle ammesse in graduatoria 96 (8 infatti sono state scartate in quanto non rispondenti ai criteri di assegnazione delle risorse); di queste, 68 sono arrivate da negozi e attività di Comuni confinanti e contigui (44 sono state finanziate); le altre 28 (tutte finanziate) sono invece arrivate da Comuni non confinanti.

«Il milione e mezzo di contributi sarà erogato totalmente. Visto il numero di domande rimaste fuori graduatoria a causa dell’esaurimento delle risorse, provvederemo con il finanziamento di un nuovo bando – ha spiegato Roberto Padrin, presidente della Provincia -. Il nostro obiettivo è dare sostegno alle attività economiche, che soprattutto nei piccoli paesi costituiscono un servizio indispensabile. Questo bando, assieme al progetto “Investi Scuola”, rappresenta una delle iniziative più importanti nelle progettualità di area vasta del Fondo Comuni di Confine. Tanto che vogliamo allargarlo anche ad altre categorie, magari guardando al settore della ristorazione e della ricettività. Ne stiamo già discutendo con gli uffici, che ringrazio per aver lavorato con grande impegno e professionalità a questo bando. Grazie soprattutto alla dirigente Karin Battistin e alla segretaria generale Daniela De Carli».

Questa misura a favore dei negozi di vicinato metterà in circolo sul territorio provinciale risorse molto importanti. Oltre al milione e mezzo di contributi, infatti, ci sarà la compartecipazione dei privati, che vale altri 2.250.000 euro. Il meccanismo del bando prevedeva il finanziamento pubblico Provincia-Fondo del 40% e la compartecipazione da parte del privato per il restante 60%.

«Questo genere di progetti è all’attenzione anche del ministro degli affari regionali – ha detto il presidente del Comitato Paritetico del Fondo Comuni di Confine -. Credo che il bando possa benissimo essere rifinanziato per ulteriori progettualità. Pensare a negozi multiservizio è fondamentale per dare un futuro ai paesi di montagna».
Alla conferenza stampa erano presenti anche il presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno e di Confcommercio Belluno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Due cadute dalla seggiovia nel comprensorio del Civetta

Val di Zoldo, 27 febbraio 2020  -  Due cadute a un'ora di distanza una dall'altra dalla seggiovia in Val di Zoldo, comprensorio del Civetta. La...

Incidente sul lavoro. Precipita da 6 metri, ricoverato all’ospedale di Treviso

San Gregorio nelle Alpi 27 febbraio 2020 - Grave incidente sul lavoro nel primo pomeriggio di oggi in via Cal Longa di San Gregorio...

Neri Marcorè al Comunale di Belluno il 15 aprile con il concerto-spettacolo “Le mie canzoni altrui”

Mercoledì 15 aprile (ore 21) Veneto Jazz porta al Teatro Comunale di Belluno il concerto-spettacolo di Neri Marcorè "Le mie canzoni altrui", una serata...

Coronavirus, contrordine. “Solo 116 positivi su oltre 6mila tamponi”, l’assessore regionale Lanzarin ridimensiona il caso

Venezia, 27 febbraio 2020  -  “Si sta decidendo in queste ore se reiterare l’ordinanza regionale per il coronavirus, ed eventualmente in quali termini. Ma anche...
Share