13.9 C
Belluno
venerdì, Luglio 3, 2020
Home Cronaca/Politica Politica, province, solidarietà, ambiente. De Carlo chiude l’assemblea provinciale di Fratelli d’Italia

Politica, province, solidarietà, ambiente. De Carlo chiude l’assemblea provinciale di Fratelli d’Italia

Luca De Carlo, deputato e sindaco di Calalzo di Cadore

Sala stracolma per l’assemblea provinciale di Fratelli d’Italia che si è tenuta sabato sera a Belluno.
Dopo l’introduzione della coordinatrice del circolo cittadino, Monica Mazzoccoli, del portavoce provinciale, Filippo Osnato, e del coordinatore regionale, eurodeputato e capogruppo FdI in Regione Veneto, la parola è passata, dopo alcuni interventi dei dirigenti di partito, al deputato e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo.

“Siamo qui oggi per ricordare anche i 30 anni dalla caduta del muro di Berlino, la riconquista della libertà di un popolo”, ha esordito De Carlo, ricordando i manifesti “Oltre il muro” realizzati all’epoca dal Fronte Nazionale della Gioventù. “Oggi abbiamo tanti muri da abbattere: partiamo da quelli costruiti dall’antipolitica intorno alle province. Crediamo e vogliamo che questi enti si riavvicino ai cittadini”, ha spiegato.

Non è mancato un pensiero di solidarietà a Andrea Franceschi, ex sindaco di Cortina d’Ampezzo: “Noi abbiamo attraversato un deserto politico, crescendo dall’1.5% di 5 anni fa al 10% di oggi; lui oggi ha chiuso, con la sentenza di prescrizione, un lungo viaggio che lo ha visto soffrire e durante il quale gli sono sempre stato accanto, perché ho sempre creduto nella sua onestà”.
“Noi siamo diversi, noi non tradiamo, ma non siamo chiusi: oggi rappresentiamo un mondo che condivide la nostra coerenza, la nostra correttezza e i nostri valori”, ha evidenziato il deputato cadorino.

Un passaggio poi sui risultati elettorali europei: “noi vogliamo crescere sempre, abbiamo preso voti che pochi anni fa non avremmo neanche pensato di poter ottenere. Siamo stati il quarto partito in provincia, anche senza un candidato bellunese, e con queste percentuali alle prossime regionali possiamo e dobbiamo correre per ottenere un risultato ancora maggiore. Non possiamo permetterci di mantenere il Paese nelle mani di questo governo nazionale: siamo divisi tra una maggioranza “rossa” e chi è passato da “uno vale uno” a “uno vale l’altro”, ha aggiunto De Carlo.

Gli obbiettivi per la provincia di Belluno “devono andare oltre il grandissimo lavoro di Giorgia Meloni, ormai vera leader riconosciuta da tutti. Dobbiamo abbattere tanti muri, dalla cultura all’ambiente, tema di destra da sempre: il piano della Germania prevede 100 miliardi di euro in 5 anni, quello di questo governo pensa solo alla tassa sulla plastica. Noi non vogliamo nuove tasse, vogliamo tagliare gli sprechi: conosciamo l’importanza dell’imprenditoria privata, e per dividere la ricchezza bisogna produrla”.

Sui temi locali, De Carlo ha puntato i riflettori sulle Olimpiadi 2026 – “non solo fattore economico, ma anche e soprattutto di speranza, per contrastare lo spopolamento. Dobbiamo smetterla di considerarci gli ultimi della classe, ma allearci con chi ha i nostri stessi problemi” – e su un piano per la montagna: “Tra 30 anni, solo il 30% della popolazione vivrà nelle zone rurali, e continuerà a prevalere la ragione delle città. Io sto dalla parte di chi vuole continuare a restare in montagna; penso al caso lupo, ad esempio: o stai coi lupi, come la maggior parte dei cittadini con la visione di Heidi della montagna, o stai con gli allevatori. Il progetto è chiaro: spopolare la montagna per mantenere un ambiente selvaggio a uso e consumo delle metropoli, e noi non ci stiamo”.

Tra gli invitati all’evento, anche Elvira Bello di Cadoneghe, nel Padovano, salita suo malgrado all’onore delle cronache poche settimane fa dopo essere stata rifiutata da una squadra femminile di calcio per le sue idee politiche: “Parlando di muri, penso sia inconcepibile che oggi lo sport, primo veicolo di socialità e solidarietà, venga strumentalizzato per puri scopi ideologici”, ha concluso De Carlo.

Share
- Advertisment -



Popolari

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...

We(lf)are Dolomiti: è il nuovo logo del Fondo Welfare. Premiati oggi a Palazzo Piloni i vincitori del concorso di idee. Padrin: «La collaborazione è la...

È frutto di una collaborazione tra due scuole del capoluogo, il nuovo segno distintivo del Fondo Welfare e Identità Territoriale. «Come frutto di collaborazione...

Trasporto pubblico locale: nuovo orario estivo in vigore da lunedì 6 luglio, anche con corse turistiche. Scopel: «Un ulteriore passo avanti. Stiamo cercando di tornare...

Entrerà in vigore da lunedì prossimo (6 luglio) l'orario estivo del trasporto pubblico locale. La Provincia ha dato il via libera oggi alla proposta...

Lavori in Crepadona. La copertura del chiostro sarà pronta a settembre

Nonostante l'interruzione forzata di due mesi a causa dell'emergenza sanitaria covit, la nuova copertura prefabbricata del cortile interno della Crepadona non subirà ritardi e...
Share