Monday, 9 December 2019 - 03:48
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Pesticidi in agricoltura. Zanoni (PD): “Da Zaia tante promesse e zero fatti, le vendite continuano ad aumentare”

Ott 17th, 2019 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Andrea Zanoni, consigliere regionale

Venezia, 17 ottobre 2019  –  “Sostenibilità, biodistretto sono parole al vento; così come i divieti che restano carta straccia. Da Zaia in questi anni abbiamo ascoltato tante chiacchiere e visto zero fatti. Poiché le vendite di pesticidi non si fermano con gli slogan, nel prossimo collegato al Bilancio presenterò alcuni emendamenti che vanno nella direzione sbandierata dal governatore. E mi aspetto un voto positivo della sua maggioranza”. L’auspicio è di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico e vicepresidente della commissione Ambiente, commentando i dati dello studio Fas-2018 della Regione rielaborati dal Wwf.

“È impressionante la nuova impennata in provincia di Treviso, con una vendita record di prodotti fitosanitari: 4,62 milioni di chili contro i 3,9 del 2017, al secondo posto dietro Verona. Non sono sufficienti i disciplinari dei singoli Consorzi, serve un intervento istituzionale con divieti più stringenti e uniformi. Finora Zaia si è limitato a slogan e consigli senza prendere decisioni vincolanti, nonostante le proteste di sindaci, residenti, associazioni e comitati. Inutile ripetere come un disco rotto ‘sfida della sostenibilità’, ‘responsabilità ambientale’, ‘vigneti resistenti’ e poi appellarsi esclusivamente alla responsabilità dei singoli produttori. Le conseguenze di questo ‘non parlo-non vedo-non sento’ sono evidenti nella Marca, a partire dall’inquinamento delle falde e dei corsi d’acqua”, attacca ancora Zanoni.

“Gli ultimi dati mostrano che il limite è ampiamente passato, perciò nel collegato al bilancio sto predisponendo alcuni emendamenti per supportare seriamente la sostenibilità, in modo da tutelare ambiente e salute. Il primo per prevedere distanze minime di trattamenti con pesticidi da abitazioni e luoghi sensibili, un altro per spostare parte dei finanziamenti dall’agricoltura convenzionale a quella biologica, un terzo per effettuare uno studio sull’impatto dei pesticidi su ambiente e salute, e infine un emendamento per dare dei fondi a chi dedica fasce di terreno con piante erbacee utili all’alimentazione naturale e biologica delle api e insetti impollinatori che stanno scomparendo proprio a causa dei pesticidi. Vedremo se i fedelissimi di Zaia si schiereranno a favore dell’ambiente o della chimica”.

Share

Comments are closed.