13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 30, 2020
Home Cronaca/Politica Risarcita l'Associazione Palio di Feltre per l'uso non autorizzato del marchio

Risarcita l’Associazione Palio di Feltre per l’uso non autorizzato del marchio

Palazzo di giustizia – Belluno

Belluno, 17 settembre 2019  –  Giunge a conclusione una vicenda che si trascinava dal 2015, quando un padovano tra il maggio e l’ottobre, in diverse località del Bellunese e del Trevigiano, proponeva ai titolari di esercizi commerciali l’inserimento di un riquadro pubblicitario della loro attività nel volantino ufficiale della manifestazione, esibendone una stampa autoprodotta, riportante i loghi ed il marchio ufficiale dell’evento e gli stemmi ufficiali dei Quartieri, nonché, in alcuni casi, presentandosi come incaricato dell’Associazione ai potenziali inserzionisti.

Conclusesi le indagini scattate dopo la denuncia dell’allora presidente Stefano Antonetti e del vicepresidente Alfonso Sampieri, l’imputato è stato rinviato a giudizio per truffa ai danni dell’Associazione e alla prima udienza il Palio si è costituito parte civile. Nell’udienza del 17 settembre, l’Associazione ha accettato, ritenendola soddisfacente, l’offerta pervenuta dal legale dell’imputato delle scuse pubbliche da formularsi davanti al Giudice e in presenza del Presidente dell’Associazione, a cui si somma la rifusione dei danni morali ed economici patiti. La conseguente decisione, assunta anche in considerazione della ristrettezza economica dell’imputato, di rimettere la querela è stata condivisa tra il Direttivo e i soci dell’Associazione, i quali hanno ritenuto le scuse pubbliche elemento fondamentale per ripristinare il buon nome del Palio.

“Per l’Associazione Palio Città di Feltre, ha dichiarato il presidente Eugenio Tamburrino, era importante, al di là delle singole vicende umane nelle quali non è giusto entrare, tutelare il nome e la credibilità dell’Associazione e della manifestazione, patrimonio comune di tutta la città e dell’intero territorio. In questo senso, ci sentiamo totalmente soddisfatti del pieno riconoscimento dell’errore da parte dell’imputato, che ha messo anche a verbale le sue scuse e ha rifuso il danno patito dall’Associazione; possiamo quindi affermare a buon diritto che il Palio tutela fino in fondo i propri diritti, e spero che questo possa anche fungere da deterrente in futuro. Colgo l’occasione per ringraziare lo Studio Legale Fent, in particolar modo il titolare Davide Fent, per aver sostenuto con grandissima generosità e disponibilità l’Associazione”. Da parte sua l’avvocato Fent ha aggiunto: “Sono stato lieto di aiutare l’Associazione Palio Città di Feltre in questa questione, che si sarebbe potuta rivelare gravosa e che invece ha avuto un risvolto positivo per il Palio e per la collettività”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Zaia anticipa il governo e allenta la morsa. Mascherine solo al chiuso. Ecco la nuova ordinanza in vigore da lunedì 1° giugno

Con ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020, in vigore da lunedì 1° giugno, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha modificato...

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...
Share