Tuesday, 17 September 2019 - 04:47
direttore responsabile Roberto De Nart

Attivazione osservatorio “Tema”. I sindacati chiedono alla Ulss l’apertura di un tavolo permanente per monitorare gli organici

Ago 30th, 2019 | By | Category: Prima Pagina, Sanità

Il 15 luglio è stato sottoscritto da tutte le organizzazioni sindacali che si occupano della sanità un protocollo che impegna la Regione, e di conseguenze le Ulss, a mettere in atto un confronto permanente sulla questione organico.

Il protocollo infatti titola: “Protocollo d’intesa tra la Regione del Veneto e le Organizzazioni Sindacali del comparto sanità, della dirigenza medico veterinaria, della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa, avente ad oggetto la strutturazione di un confronto permanente sulle tematiche relative al personale degli Enti e delle
Aziende del Servizio Sanitario Regionale”.
Come organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori dell’Ulss 1 Dolomiti abbiamo deciso di dare seguito a quel protocollo, inviando una richiesta articolata al Direttore dell’Ulss, e richiamando quelli che sono i punti di partenza del protocollo stesso, ovvero l’incentivazione del personale per migliorare i servizi offerti, e la definizione delle dotazioni standard del personale.
Queste sono le considerazioni che abbiamo messo in evidenza:
• La riduzione di personale dell’Ulss, legato ai tagli della politica, si è fatta più pesante in
provincia di Belluno a causa della difficoltà a formare personale autoctono (che spesso deve
scendere in pianura per formarsi), a causa del costo della vita e della complessità del
territorio;
• L’algoritmo che determina il numero di OSS e infermieri, il “tema” – i minuti minimi
assistenziali previsti dalla D.G.R. 610/2014 – si è dimostrato insufficiente; inoltre i minuti
minimi in Regione Veneto non sono in linea con le evidenze scientifiche, esponendo gli
operatori e l’utenza al rischio clinico;
• L’organizzazione dei reparti di degenza è stata rivista nell’ottica dell’intensità di cura, ovvero
l’accorpamento di settori con degenti simili per complessità (soprattutto per le aree
internistiche); questa organizzazione non sta dando i risultati sperati, poiché già in estate,
verifichiamo appoggi di pazienti di quest’area su tutte le altre, facendo venire meno quelle
che dovevano essere i vantaggi di questa organizzazione, ovvero la migliore presa in carico
del paziente e un uso ottimale delle risorse umane;
• Le soluzioni finora prospettate hanno avuto più il senso di soluzione atte a tamponare
situazioni di difficoltà contingente e non con visione a lungo termine;
• La tenuta del sistema è stata finora garantita dalla professionalità e dalla dedizione dei
lavoratori, che hanno sopperito alla carenza di organico, facendosi carico di una maggiore
quantità di lavoro, pur in una mancanza di prospettiva.
richiesta attivazione osservatorio “Tema” – analisi dello stato dell’arte e prospettive

Sulla scorta di queste premesse abbiamo chiesto all’Ulss, unitariamente e in linea con i delegati della RSU che ci rappresentano in seno alla assemblea RSU:
1. L’immediata attivazione dell’Osservatorio sul “Tema”, ovvero un tavolo in cui analizzare lo
stato dell’arte in merito ai minuti assistenziali, e cioè l’impatto dell’algoritmo sul servizio
offerto nell’Ulss 1;
2. Di valorizzare i lavoratori che oggi, con grande spirito di servizio, continuano a garantire alla
comunità servizi di grande qualità, pur nelle difficoltà segnalate; come già nelle premesse del
protocollo regionale, si chiedono incentivi, con risorse ad hoc provenienti dalla Regione, per
dare ristoro a tutte le dinamiche che sopra abbiamo elencato;
3. Di sapere quali adeguamenti strutturali e tecnologici l’Azienda intenda mettere in campo per
rendere appetibile professionalmente, e consolidare la permanenza dei professionisti che
influiranno sull’offerta sanitaria locale, in coerenza con la programmazione regionale del
PSSR, sia per quanto attiene alle strutture ospedaliere, ma anche alle strutture territoriali.

Per la segreteria territoriale
Nursing Up
Lorella VIDORI

Per la segreteria territoriale
Fp-CGIL
Andrea FIOCCO

Per la segreteria territoriale
UIL-Fpl
Marina CARELLI

Share

Comments are closed.