13.9 C
Belluno
venerdì, Luglio 3, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Opere nel Bellunese. Berton (Confindustria) e Limana (Tavolo infrastrutture) agli ambientalisti: "Pronti...

Opere nel Bellunese. Berton (Confindustria) e Limana (Tavolo infrastrutture) agli ambientalisti: “Pronti al dialogo, ma si gioca a carte scoperte. Basta tavoli inconcludenti”!

Lorraine Berton

Belluno, 18 luglio 2019  –  “Accogliamo con favore l’apertura al dialogo delle sigle ambientaliste. Non abbiamo paura del confronto, anzi pensiamo sia necessario – arrivati a questo punto e con Mondiali e Olimpiadi alle porte – giocare a carte scoperte. Vale per le categorie – che già hanno espresso la loro visione con forza – per la società civile e ovviamente per le Istituzioni. Ma stavolta bisogna fare sintesi. Gli appuntamenti alle porte non ci permettono temporeggiamenti o meline. In ballo c’è il nostro futuro, oggi più che mai”.

A dirlo sono la presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Lorraine Berton e il coordinatore del Tavolo delle infrastrutture della provincia di Belluno Domenico Limana, che così rispondono all’apertura al dialogo arrivata nelle scorse ore dalle sigle ambientaliste.

“Il confronto è necessario, ma non ci devono essere pregiudizi. Da parte nostra non ci sono e non ci saranno”, affermano Berton e Limana.

Berton, in qualità di presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, rimarca due concetti fondamentali. “La nostra Associazione, muovendosi in nome delle sue aziende che vivono e operano in queste terre, vuole il bene del territorio e ha bene in mente i valori della sostenibilità e dell’innovazione, concetti che stiamo ribadendo all’interno di Confindustria per la Montagna e degli Stati generali della Montagna. Mai come oggi, interessi delle aziende e interessi del territorio coincidono: le aziende che vivono e operano nella nostra montagna sono quelle che hanno resistito agli echi della facile delocalizzazione, a una crisi finanziaria senza precedenti e stanno partecipando alla ricostruzione post-Vaia”.

Berton ricorda poi quanto Confindustria stia facendo anche sul fronte della legalità: “Le associazioni ambientaliste parlano della necessità di stare attenti a possibili infiltrazioni della criminalità organizzata in vista dei cantieri per Mondiali e Olimpiadi. Noi stiamo tenendo alta la guardia. Poche settimane fa abbiano associato a Confindustria Belluno Dolomiti l’imprenditore anti-ndrangheta Mauro Esposito e presto conferiremo una delega per la legalità. Anche qui non saremo spettatori”.

Non manca un’avvertenza da parte del coordinatore Limana: “Bene, anzi benissimo, il dialogo, ma no a tavoli inconcludenti: con tutto quello che c’è in ballo per il Bellunese, non ce lo possiamo proprio permettere”.

In ultima battuta, Berton e Limana si dicono soddisfatti della presa di posizione dell’assessore regionale al turismo Federico Caner, favorevole a uno sbocco a nord per il Bellunese: “Anche la politica – a tutti i livelli – è chiamata a fare sintesi e darci delle risposte. Ognuno deve fare la sua parte con responsabilità. A ciascuno il suo”.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...

We(lf)are Dolomiti: è il nuovo logo del Fondo Welfare. Premiati oggi a Palazzo Piloni i vincitori del concorso di idee. Padrin: «La collaborazione è la...

È frutto di una collaborazione tra due scuole del capoluogo, il nuovo segno distintivo del Fondo Welfare e Identità Territoriale. «Come frutto di collaborazione...

Trasporto pubblico locale: nuovo orario estivo in vigore da lunedì 6 luglio, anche con corse turistiche. Scopel: «Un ulteriore passo avanti. Stiamo cercando di tornare...

Entrerà in vigore da lunedì prossimo (6 luglio) l'orario estivo del trasporto pubblico locale. La Provincia ha dato il via libera oggi alla proposta...

Lavori in Crepadona. La copertura del chiostro sarà pronta a settembre

Nonostante l'interruzione forzata di due mesi a causa dell'emergenza sanitaria covit, la nuova copertura prefabbricata del cortile interno della Crepadona non subirà ritardi e...
Share