13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 2, 2020
Home Cronaca/Politica Andrea Bona è il nuovo presidente del Bard. Alla vicepresidenza Roberto Brustolon

Andrea Bona è il nuovo presidente del Bard. Alla vicepresidenza Roberto Brustolon

Andrea Bona

È Andrea Bona il nuovo presidente del movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti: questo il risultato della votazione che ha coinvolto il consiglio direttivo, recentemente rinnovato.
Bona è tra i fondatori del movimento BARD ed ha ricoperto, fino a questa nomina, il ruolo di vicepresidente, che ora andrà allo zoldano Roberto Brustolon.

«È per me un onore e un grande impegno, e per questo ringrazio tutto il consiglio per la fiducia: rispetto a quando siamo partiti, si è rivoluzionato il mondo intero, ma l’unica cosa a non essere cambiata è il centralismo romano e veneziano e il disinteresse verso i territori montani. – commenta Bona – Abbiamo affrontato tante sfide, come movimento e come bellunesi, e molte altre ne avremo da affrontare, già da questo autunno».

L’occhio è sempre fisso sull’obbiettivo, quello dell’autonomia: «Stiamo assistendo a un tira e molla a livello nazionale e a una presa in giro dei cittadini che democraticamente si sono espressi il 22 ottobre 2017 nei due referendum per l’autonomia. – sottolinea Bona – Tengo a sottolineare che i referendum, per noi bellunesi, erano due, perché la questione autonomistica della nostra provincia è sparita dalle agende politiche nazionali e regionali. Il nostro compito sarà quello di tornare a farci sentire con decisione».

Per questo, Bona rilancia subito la partita bellunese: «Visto che tutti hanno appoggiato il referendum provinciale e che la nostra specificità è riconosciuta sia dallo statuto regionale che dalla legge nazionale, in virtù del confine con stato estero e della presenza di minoranze linguistiche, penso che non dovrebbero esserci problemi a avviare e concludere in tempi brevi la trattativa per l’autonomia bellunese, trattativa che può avanzare indipendentemente da quella regionale».

Un altro grande appuntamento all’orizzonte è quello delle regionali 2020: «Sarà una partita tutta da giocare: bisogna capire cosa succederà tra Zaia, la Lega veneta e quella nazionale, con la partita dell’autonomia legata a doppio filo al loro destino; c’è un centrosinistra scomparso dal dibattito locale, mentre bisognerà vedere che atteggiamento avranno gli autonomisti e indipendentisti che oggi sostengono l’attuale giunta regionale, se non si avranno presto risultati dal confronto a Roma sull’autonomia differenziata regionale. Come Bard, per ora stiamo alla finestra e guardiamo l’evoluzione della situazione, poi faremo le nostre valutazioni», conclude Bona.

Share
- Advertisment -

Popolari

990mila euro per la messa in sicurezza a Villaga. Bortoluzzi (Provincia) e Zatta (Comune di Feltre): «Si pone fine a un problema annoso»

Partirà nei prossimi giorni la messa in sicurezza dell'abitato di Villaga, in Comune di Feltre. Una vasta operazione gestita dalla Provincia di Belluno che...

Borgo Valbelluna. Le biblioteche, “Piazze del sapere” anche per i più giovani

In questi giorni il Comune di Borgo Valbelluna si sta attivando per formalizzare l’affidamento a terzi di alcune attività del servizio bibliotecario comunale per...

2 giugno Festa della Repubblica. Cerimonia in piazza dei Martiri per il 74mo anniversario

La drammatica situazione di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus impone che per quest’anno la cerimonia si svolga rispettando le misure di prevenzione per...

Nevegal, basta rimpalli! De Moliner: “Non vorremmo che la proposta Gidoni in Regione finisse come la Legge 25/14 sulla autonomia della Provincia di...

"Crediamo che sulla vicenda Nevegàl debba essere fatta chiarezza sulle intenzioni che hanno la Regione e il Comune di Belluno. Non è possibile, ed...
Share