Saturday, 24 August 2019 - 21:58
direttore responsabile Roberto De Nart

Collegamento Comelico.  Pozza: “Ma cosa stiamo aspettando? Non vogliamo creare vittime economiche dell’isolamento”

Giu 19th, 2019 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

Mario Pozza

Treviso, 19 Maggio 2019 – “I nostri territori hanno bisogno di connessioni fruibili, veloci e strategiche. Le vallate chiuse, non interconnesse, non possono che essere espressione di pochi, ma che danneggia la promozione e lo sviluppo delle molte imprese dei nostri territori.
L’assurdo è che quando si abbattono i violenti eventi del maltempo, come la tempesta Vaia, gli stessi territori rimangono vittime di quell’ isolamento tanto difeso”

Lo afferma il presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno Mario Pozza -.

“Creare una connessione attenta a rispettare i valori dei territori, non può che dare ossigeno e futuro alle nostre montagne che stanno guardando passivamente lo spopolamento demografico, ma anche di attività di vicinato e di artigianato che proprio il turista, di oggi, sta cercando per vivere una vacanza esperienziale, uno storytelling che i nostri luoghi sanno raccontare naturalmente, senza doverci inventare nulla. La potenzialità delle nostre montagne – continua Pozza – è sfruttata solo al 3% , ma questo non significa rispettarla, significa trascurarla, non prendersene cura, non rispettare le sue naturali bellezze.
I boschi non sono più curati, gli alberi prendono il posto degli spazi che prima erano coltivati con sacrificio dai contadini.

Rimanere immobili è sicuramente una scusa per chi non ha voglia di fare. E’ necessaria invece una rappresentanza capace di guardare avanti anche solo agli appuntamenti di Cortina 2021, alla candidatura delle olimpiadi per il cui successo è richiesta una connessione snella e facile. Quindi Sì al collegamento tra Padola e la Val Pusteria, sì a ridare un futuro al Comelico, sì a nuove opportunità per i giovani, Sì a nuove opportunità per la nostra montagna.

Guardo anche all’aeroporto di Cortina pensando al turismo business e leisure che sarebbe favorito in maniera diretta dai collegamenti con l’aeroporto di Treviso e con l’aeroporto di Venezia, per creare un’accoglienza e un servizio unico – conclude Pozza – come unica è la nostra montagna”.

Share

Comments are closed.