Monday, 21 October 2019 - 02:53
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sostegno alle piccole attività imprenditoriali: dal Comune di Alpago contributi per oltre 50 mila euro

Giu 11th, 2019 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

Sostenere, per quanto possibile, le piccole e piccolissime attività imprenditoriali del territorio rappresenta senza dubbio una delle ricette più efficaci per tenere vive le comunità locali e combattere, nei fatti, lo spopolamento dei nostri paesi.
Sulla scorta di questa considerazione, il nuovo Comune di Alpago varò nel dicembre 2016, a pochi mesi dalla sua nascita, un regolamento che prevede la possibilità di concedere alle “micro attività commerciali ed artigianali e alle imprese agricole” che operano nel territorio comunale un sostegno finanziario che possa rappresentare un aiuto concreto per sostenere l’azienda in un contesto economico e di mercato non certo tra i più semplici.

Nei giorni scorsi, dopo che nel mese di gennaio si erano chiusi i termini per la presentazione delle candidature, è stata dunque stilata la graduatoria che ha visto ammesse 14 delle 15 imprese che avevano fatto domanda. A ciascuna di loro è stato attribuito un contributo che va da un minimo di 1.600 ad un massimo di 5 mila euro da destinare – come detto – alle spese correnti o agli investimenti della propria attività. L’impegno complessivo per le casse comunali sarà di circa 53.500 euro.

“Siamo consapevoli che questi contributi non posso essere, da soli, risolutivi; siamo però altrettanto convinti che un contributo del Comune rappresenti per le nostre attività, oltre che un sostegno economico, anche un attestato di fiducia ed uno stimolo a proseguire nella loro importante azione a favore della crescita di questo territorio”, commenta l’assessore alle attività produttive del Comune di Alpago Federico Costa.
“Il regolamento prevede un importante criterio di rotazione, secondo cui ogni singola piccola impresa può fare richiesta di contributo soltanto una volta nel corso dei 5 anni della consiliatura; in questo modo possiamo dare accesso alle risorse ad un numero piuttosto ampio di aziende, che sono un presidio vitale per la sopravvivenza delle nostre comunità locali”, sottolinea Antonio Dazzi, consigliere con delega ai regolamenti, che ha seguito in prima persona la stesura del provvedimento.

Share

Comments are closed.