Thursday, 23 May 2019 - 00:49

Il grande jazz americano sabato all’Unisono di Feltre con Robert Bonisolo Trio

Mar 13th, 2019 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Feltre – E’ nato in America, ha studiato tra Boston e New York e oggi vive a Vicenza. Robert Bonisolo è un sassofonista di prima classe, musicista accanto ad artisti come Tom Harrell, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Steve Swallow, Carla Bley, Maria Schneider, George Roberts, Alex Sipiagin, Dado Moroni, Antonio Faraò, Sandro Gibellini, Paolo Birro, Ben Perowsky e vincitore di innumerevoli premi.

Sabato 16 marzo alle 21.15  sarà all’Unisono, per un concerto a base della più pura improvvisazione jazz.

Con lui Marc Abrams al basso e Marco Soldà alla batteria. Insieme formano il Robert Bonisolo Trio, un un ensemble dal suono fortemente americano. Il repertorio si fonda su standard, brani evergreens della musica jazz, mescolati a brani originali, destinati a creare atmosfere tipiche della tradizione jazzistica americana. Robert Bonisolo infatti, anche se nato a Niagara Falls in Canada, si e’ formato musicalmente prima a Boston e poi a New York.
Ma in quanto alla scaletta, non si saprà fino all’ultimo momento. Anzi, fino a quando i tre artisti non saliranno sul palco della sala concerti di Palazzo Guarnieri e inizieranno a suonare. Come nella migliore tradizione jazzistica, infatti, la scaletta non viene comunicata prima ma annunciata durante il live. Il motivo è semplice: l’ordine e la scelta definitiva dei pezzi avvengono qualche ora prima dell’inizio, spesso anche durante lo svolgimento della serata. L’ispirazione e la creatività, d’altra parte, sono chiavi di lettura di questa musica e una scaletta troppo rigida, i tre ne sono convinti, può influire negativamente.

“Siamo felici di ospitare Bonisolo e il suo trio all’interno della nostra rassegna Jazz Time – commenta il direttore artistico del Centro di Musica Unisono, Nicolò Ferrari Bravo -. E’ un musicista eccezionale, ha suonato insieme ai più grandi della musica jazz, regala ogni volta sensazioni uniche”.

Nella convinzione che no, il jazz non sia una musica di nicchia né riservata ad una certa fascia d’età, per il live di sabato sono previsti sconti per gli studenti. I ragazzi iscritti a scuole di musica potranno acquistare il biglietto a 10 euro, il codice sconto da inserire nel sito è STUDENTIRB.

Inizio concerto alle 21.15. Biglietti 15 euro, prima fila 20, prevendita 3 euro. Acquisto possibile anche online al sito www.centrodimusicaunisono.com

 

Robert Bonisolo – Sassofonista canadese, è nato a Niagara Falls nel 1966 e si è diplomato al Berklee College of Music di Boston (con John Laporta e Jerry Bergonzi); ha quindi studiato alla Banff School of Fine Arts di New York con Dave Holland e Joe Lovano. Vincitore di numerosi premi per giovani musicisti americani emergenti, suona negli Stati Uniti, fra gli altri, con la Tommy Dorsey Orchestra, Rob Mc Donnel and the Boss Band, Tom Harrel, Niels Lan Doky, Mike Stern The Carla Bley Big Band, Steve Swallow, Don Alias, Larry Willis, Hiram Bullock, Steve Jordan. Stabilitosi in Italia, suona con Franco Ambrosetti, Gianni Cazzola, Giulio Capiozzo, Antonio Faraò, Renato Chicco, Paolo Birro, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Elliot Zigmund, Dado Moroni…; in ambito pop con Rossana Casale. Suona ed incide con la Lydian Sound Orchestra , con “The Edge ” di Michele Calgaro e con Antonio Faraò, Glauco Venier, Gianantonio De Vincenzo; in ambito pop con Federico Zecchin e la voce recitante di Giorgio Albertazzi. Attualmente è impegnato con il suo progetto “B.B.B. Trio” assieme ai musicisti di New York Ben Perowsky (batteria) e Ben Street (basso). E’ docente di sassofono alla scuola di musica Thelonious-Arci (Vicenza).

Marc Abrams – E’ nato a New York nel 1958, ma vive in Italia ormai da molti anni. Si è diplomato all’University of Massachusetts (Music Scholarship Recipient) ed al Hartt Conservatory of Music. Ha collaborato e registrato con Chet Baker (Timeless Records), Karl Berger (Douglas Music), Paolo Birro, Herman Breuer (Enja Records), Dennis Charles, Kenny Clarke, Johannes Enders (Enja Records), Gil Evans, Al Foster (Jazzline Records), Benny Golson, Slide Hampton, Eddie Henderson, Keptorchestra (guest artists: Steve Lacy, Lee Konitz, Loe Lovano), Tony Lakatos, Kirk Lightsey, Munich Contemporary Chamber Music (MCCM Records), Joe Nay (PTA Music), Sal Nistico (Enja Records), Mike Nock, Pietro Tonolo. Ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive, tenuto concerti e tournées in Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Israele, Italia, Polonia, Russia, Svizzera, Turchia, Stati Uniti, Slovenia, Croazia e Spagna. Tiene lezioni di contrabbasso/basso elettrico e conferenze sul jazz e l’improvvisazione per l’Arci di Padova, la “Thelonious Monk School” e “Suono Improvviso” di Venezia e la Duke University di Durham, North Carolina.

Marco Soldà – Inizia lo studio della batteria all’età di 9 anni, dedicandosi allo studio di più generi musical; fin dagli inizi della sua attività entra in contatto con formazioni che spaziano fra i generi jazz, pop, blues e rock, con cui frequentemente si esibisce e partecipa a concorsi nazionali. Nel 2010 partecipa a lavori di pre-produzione con il produttore Ronan Chris Murphy mentre nel 2014 si diploma con il maestro Mauro Beggio al Conservatorio di Vicenza; studia e collabora con musicisti di fama internazionale come Paolo Birro, Pietro Tonolo, Riccardo Brazzale. Nello stesso periodo suona con la “Mingus Project Big Band” con il trombettista Alex Sipiagin e il sassofonista Ettore Martin, con il quale si esibisce frequentemente in quintetto. Partecipa a seminari e clinic con artisti di fama mondiale e internazionale come J. Kyle Gregory, Steve Smith, Steve Gadd, Christian Meyer, Maxx Furian e molti altri; nel 2012 partecipa alle masterclass di “La Spezia Jazz”, studiando e suonando con musicisti di fama mondiale: Francisco Mela, Eddie Gomez, Lage Lund, Dave Liebman. Nel 2013 studia per sei mesi al Codarts, conservatorio di musica di Rotterdam, in cui ha l’opportunità di lavorare e suonare con molti musicisti del nord Europa.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.