Friday, 26 April 2019 - 05:51

Ultimo appuntamento con la rassegna “Letture d’Autunno” sabato a Mel

Feb 10th, 2019 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Si terrà sabato 16 febbraio 2019 alle ore 20.30 al Palazzo delle Contesse di Mel l’appuntamento conclusivo della rassegna “Letture d’Autunno” organizzata dal Comune di Mel, inizialmente previsto per sabato 24 novembre in seguito rinviato.

Palazzo delle Contesse a Mel (Belluno)

In programma “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore?” a cura di Associazione “Verba Volant” e Compagnia di teatri sonori “Impronte sul vento” .
La formazione di questo spettacolo è un trio composto da Demetrio Gasperi (clarinetto), Enrico Gasperi (voce recitante) e Marco Valentino (chitarra).
I testi sono (in ordine alfabetico) di Antonio Andrich (1; inedito); Guido Cavalcanti (1; da Rime, B.U.R.); Enrico Gasperi (21 di cui 7 inediti); Ivano Porpora (1; da Parole d’amore che moriranno quando morirai, miraggi edizioni) e Eugenio Montale (2; da Satura, Mondadori).
Le musiche sono di Marco Valentino, con l’apporto di qualche intuizione del giovane clarinettista Demetrio.
Lo spettacolo è articolato in quattro parti (le varie fasi):
la prima ha titolo “Giovinezza” e racconta le prime esperienze, ma anche le prime delusioni e le prime riflessioni. E si apre con uno dei capolavori della letteratura medievale “Chi è questa che vèn, ch’ogn’om la mira” di Guido Cavalcanti. Seguono poi cinque testi di Gasperi;
la seconda ha titolo “Storie adulte?” (di nuovo un punto interrogativo, ovviamente perché ognuno ha la propria di idea di cosa sia un amore “adulto”) la sezione si apre con “Re bemolle”, l’inedito di Antonio Andrich e prosegue con cinque poesie di Gasperi, tra cui due inediti;
la terza parte ha titolo “Quando finisce un amore”, che si apre con la poesia “Correrò il pericolo” di Ivano Porpora e prosegue con cinque testi di Gasperi, tra i quali troviamo un inedito (“Scorderemo il nostro stare insieme”), che con l’ironia spezza l’atmosfera più o meno tragica della sezione;
ultima sezione, introdotta da due brevissime poesie di Montale, ha titolo “L’amore non si crea né si distrugge, tutt’al più si trasforma!” E’ un bluff, la cifra dominante diventa l’ironia e, ovviamente, l’autoironia delle sei poesie di Gasperi ben quattro sono inediti. L’ingresso è libero

Di cosa parliamo quando parliamo d’amore?

Demetrio Gasperi: clarinetto; Enrico Gasperi: voce recitante;
Marco Valentino: chitarra

programma
PARTE PRIMA: la giovinezza

1) Chi è questa che vèn, ch’ogn’om la mira*
2) Ha occhi belli di ragazza (da Labirinto primo,1993 esaurito)
3) La sera se ne va (Ibidem)
4) Il cerchio si chiude (Ibidem)
5) Dormi ancora, rannicchiata (da in_certe paternità, 2014)
6) Mediterraneo n.2 (da Labirinto primo)

PARTE SECONDA: storie adulte?

7) Re bemolle**
8) Io vedo nei tuoi occhi (inedito)
9) Sei per strada (da Vita differita, 1999 esaurito)
10) Bussa Primavera (Ibidem)
11) La vita in un secondo (da in_certe paternità)
12) Gli amori ancora possibili (inedito)

PARTE TERZA: quando finisce un amore

13) Correrò il pericolo***
14) Non ti chiedo pietà (da Vita differita)
15) Non posso fingere soluzioni vaghe (da in_certe paternità)
16) Perché non mi chiedi se sono felice? (Ritmi&Suoni,2006)
17) Scorderemo il nostro stare insieme (inedito)
18) Accattone d’amore (da Vita differita)

PARTE QUARTA: l’amore non si crea né si distrugge, tutt’al più si trasforma!

19) Xenia II, 6/7****
20) Quando parlo d’amore (inedito)
21) Cabernet Franc (inedito)
22) Non esiste passato in amore (da in_certe paternità)
23) Se tu venissi avanti (da Ritmi&Suoni)
24) L’Alchimista (inedito)
25) L’ape strana (inedito)

musiche di Marco Valentino

testi di Enrico Gasperi,eccetto
* di Guido Cavalcanti (Rime, BUR)
** di Antonio Andrich (inedito)
*** di Ivano Porpora (Parole d’amore che moriranno quando morirai, miraggi edizioni,Torino 2016)
**** di Eugenio Montale (Satura, Mondadori)

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.