Friday, 22 November 2019 - 23:35
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri: 26 persone detengono tanto denaro quanto metà dell’umanità. Aumenta il divario nel 2018 secondo l”ONG Oxfam 

Gen 21st, 2019 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

“Il crescente divario tra ricchi e poveri ostacola la lotta contro la povertà, danneggia l’economia e alimenta la rabbia globale”, ha dichiarato in un comunicato stampa, Winnie Byanyima direttore esecutivo di Oxfam International, la confederazione internazionale di organizzazioni non profit che si dedicano alla riduzione della povertà globale, attraverso aiuti umanitari e progetti di sviluppo, citata in un comunicato stampa. I governi “devono assicurare che le multinazionali e i ricchi paghino la loro quota di tasse”, ha aggiunto nella tradizionale relazione annuale di Oxfam sulle disuguaglianze globali che è stata pubblicata prima del World Economic Forum (WEF), che si tiene fino a venerdì prossimo a Davos.

Secondo i dati della ONG, la cui metodologia è basata sui dati pubblicati dalla rivista Forbes e dalla banca Credit Suisse, è contestata da alcuni economisti, 26 persone in questo momento storico hanno tanto denaro quanto 3.8 miliardi di altri cittadini più poveri del pianeta. Nel 2017, erano 43.

Per quanto riguarda l’uomo più ricco del mondo, Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, la sua ricchezza ha raggiunto i 112 miliardi di dollari l’anno scorso. Ma, basti pensare che “il bilancio sanitario dell’Etiopia è pari all’1% della sua fortuna”, afferma l’ONG. Complessivamente, la ricchezza mondiale dei miliardari è aumentata di 900 miliardi di dollari solo l’anno scorso, ad un tasso di 2,5 miliardi di dollari al giorno, mentre quella della metà più povera della popolazione mondiale del pianeta è scesa dell’11%. Il numero di miliardari è raddoppiato dall’inizio della crisi finanziaria del 2008, secondo Oxfam, che ha sottolineato che “i ricchi non solo hanno una crescente ricchezza, ma anche i livelli di tassazione inferiori da decenni”. “Se la tendenza fosse invertita, la maggior parte dei governi disporrebbe di risorse sufficienti per finanziare i servizi pubblici”, ha affermato l’ONG che ritiene che “la ricchezza sia particolarmente sottovalutata”. Ha detto che su un dollaro di imposta sul reddito, solo quattro centesimi provengono dalla tassazione della ricchezza. Per Oxfam, “il 10% dei più poveri, paga più tasse in proporzione al proprio reddito rispetto alla maggior parte ricchi”. Questo rapporto è pubblicato in un momento in cui la tassazione delle maggiori fortune sta provocando un ampio dibattito in diversi paesi a partire dalla Francia, dove è nata e si è sviluppato il movimento dei “giubbotti gialli”. Negli Stati Uniti, la neodeputata democratica Alessandria Ocasio-Cortez, ha proposto d’innalzare le imposte del 70% ai più ricchi, ottenendo l’appoggio del premio Nobel per l’economia Paul Krugman. Sono dati incredibili che dovrebbero far riflettere chiunque, anche chi non si occupa d’economia, rileva Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” e che dovrebbero spingere i governanti ad ascoltare le spinte popolari mai sopite ad una riduzione del divario della ricchezza tra più ricchi e più poveri attraverso un nuovo modello d’imposizione fiscale che, solo per far riferimento alla Costituzione del nostro paese, dovrebbe veramente far riferimento al principio proporzionale della tassazione che non è stato forse mai completamente attuato.

 

Share

Comments are closed.