13.9 C
Belluno
domenica, Agosto 9, 2020
Home Prima Pagina Bilancio di un anno dell'attività di Medicina trasfusionale sulle Dolomiti

Bilancio di un anno dell’attività di Medicina trasfusionale sulle Dolomiti

Il bilancio complessivo delle attività svolte nel 2018 dal Dipartimento Trasfusionale è ancora una volta positivo.

I dati di attività dell’ULSS n.1 Dolomiti che riguardano la raccolta di sangue intero e plasma e le cessioni di emazie sono più che soddisfacenti.

Nonostante il numero non elevato degli abitanti del territorio, il Dipartimento, partendo da una grande generosità dei cittadini donatori, con una organizzazione strutturata, efficace ed efficiente (anche con evidenza storica) ha dato risposta alle necessità trasfusionali del proprio territorio (autosufficienza locale), regionali (autosufficienza regionale) e di altre Regioni (autosufficienza nazionale), rispondendo in un sistema in rete nazionale ai bisogni trasfusionali di tanti cittadini purtroppo malati.

Si riportano di seguito i dati – unità della raccolta nel corso del 2018:

Belluno-Pieve di Cadore-Agordo

Feltre

Totale Dipartimento

SANGUE INTERO

9.313

3857

13.170

PLASMA

598

223

821

Totale

9.911

4.080

13.991

Per quanto riguarda i numeri delle cessioni di globuli rossi essi sono significativi sia in termini assoluti 6.366 (solo Vicenza ha dato di più di Belluno fuori Provincia), che percentuali 48,3% (nessuno in Regione riesce a cedere quasi il 50% del raccolto).

Ad evidenza della generosità dei bellunesi abbiamo il secondo indice di donazione per 1000 abitanti in Regione, costantemente oltre il 60 per mille, mentre lo standard dell’OMS sarebbe 42-45 per mille abitanti.

Per quanto riguarda infine l’altro versante cioè il consumo in globuli rossi (il prodotto-emocomponente che anche nel percepito comune è la trasfusione), questo è allineato allo standard dell’OMS di 30-35 per mille abitanti.

E ancora – pur nelle difficoltà per il momento superate nel reperire e formare risorse umane qualificate nel proprio personale – continua ad offrire (anche qui esempio unico nel territorio regionale e tra i pochi in Italia) prestazioni di Medicina Rigenerativa appropriate e di elevata qualità. In questo settore anche nel 2018 è proseguita la collaborazione con l’Università di Padova e con Fondazione TES, con evidenza in pubblicazioni su riviste internazionali ad elevato Impact Factor (sistema internazionale, scientifico e condiviso, che dà un peso agli articoli scientifici-NdR).

Con l’attivo supporto organizzativo di ADMO sono stati valutati 335 potenziali nuovi donatori di midollo osseo, che si sono aggiunti al Registro Provinciale di oltre tremila e ben quattro sono stati portati al vero e proprio prelievo di sangue midollare.

Sono ancora aumentate le prese in carico ambulatoriali e i volumi di prestazioni (oltre 2.800 tra Belluno e Feltre) fatte a favore di pazienti affetti da anemie da carenza di ferro,con necessità di salassi terapeutici, infusioni di emoderivati, di trattamenti di aferesi terapeutica o necessitanti di trasfusioni ambulatoriali.

Share
- Advertisment -



Popolari

Guida al trading online: cos’è un segnale di trading

Oggigiorno il trading online non è più un semplice settore emergente del mondo degli investimenti, ma una certezza ben radicata, che genera milioni di...

Alpe del Nevegal: duello Christian Merli e Simone Faggioli

Riparte nel migliore dei modi la stagione 2020 delle cronoscalate italiane. Nelle prove della 46ma Alpe del Nevegal, evento inaugurale del Campionato Italiano Velocità Montagna di...

Vari interventi di soccorso oggi in montagna

Belluno, 08 - 08 - 20 Attorno alle 20 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato verso le Tre Cime di Lavaredo,...

Capriolo attraversa la strada, motociclista cade, è in prognosi riservata

Si trova ricoverata all'ospedale di Treviso in prognosi riservata O.V. 52enne che viaggiava insieme al marito P.V. 54enne di Ponte nelle Alpi in sella...
Share