13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Sabato a Trichiana la presentazione del libro ispirato alla tragedia del 2009...

Sabato a Trichiana la presentazione del libro ispirato alla tragedia del 2009 di Rio Gere

Sabato 12 gennaio alle ore 18.30 nella Sala “San Felice” in Trichiana (Belluno) si terrà la presentazione del volume “Falco I-REMS (ed. Dolomedia – Belluno 2018). Conduce l’incontro Piero Bassanello.
Tutta la cittadinanza è invitata.

“Un’opera – si specifica nella prefazione – di pura fantasia, anche se inevitabilmente si collega ai fatti reali occorsi in data 22 agosto 2009, quando in località Rio Gere (Cortina d’Ampezzo – Belluno), alle pendici del Monte Cristallo, un elicottero A109S Grand (Agusta Westland), marche di immatricolazione I-REMS, esercente il servizio per conto del Suem 118 di Pieve di Cadore dell’Ulss n. 1 di Belluno, impatta i cavi di una linea di media tensione, facendo morire l’intero equipaggio ad esclusione di una persona che tra la prima e la seconda ricognizione sul fronte della frana era sceso per monitorare una persona cardiopatica.
Nomi e personaggi, il vissuto personale e interpersonale dei soggetti identificati come Diego, Francesco, Michele, Stelvio e delle correlate compagne di vita, oltre che di tutti gli altri personaggi, sono frutto dell’immaginazione degli autori e come tali sono usati in modo del tutto fittizio in relazione alle vicende e vicissitudini di carattere personale e famigliare descritte e narrate.
L’assoluta somiglianza, invece, con i fatti in premessa descritti, i luoghi e le persone in relazione alle loro funzioni, ancorché associate ad altri nomi, invece, non sono affatto casuali, ma un elemento fortemente voluto. Voluto, quanto richiesto dalla necessità di connotare questo libro non solo con i tratti della mera fantasia narrante, ma anche con azioni che facilitino la comprensione dei processi e delle dinamiche legate al mondo del Soccorso Alpino e del Suem 118 e, più espressamente, a quelle dell’elisoccorso.
In modo particolare, si è voluto porre in evidenza senza possibilità di edulcorazione – questo aspetto è incipit e file rouge del racconto stesso – il problema degli ostacoli al volo alla navigazione aerea, causa ed intimo motivo per cui evidentemente si è scritto. Ostacoli al volo lineari, verticali e, anche mobili (come ultimamente possono essere definiti, ad esempio, i droni) che rappresentano un gravissimo, irrisolto problema del nostro (Bel) Paese e che, come tale, aspetta da decenni una soluzione certa e definitiva, senza più balbettii e tentennamenti di sorta, da parte di uno Stato colpevolmente inerte.
Queste soluzioni devono, infatti, essere garantite ora, perché nessun altro libro sul tema sia mai più scritto. Mai più.

Share
- Advertisment -



Popolari

Revocata la condanna penale agli animalisti per aver offeso Berlato e Caretta a Longarone nel 2015

Il giudice di pace di Belluno revoca la condanna penale al leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero e al leader del Fronte Animalista Roberto Serafin,...

Profumo di cirmolo. Festival della scultura in Val Comelico 4^ edizione

Prende il via questo fine settimana, il 7, 8 e 9 agosto, a Santo Stefano di Cadore la quarta edizione del Festival della scultura. Dalle...

Donazioni all’ospedale di Feltre dalla Sezione alpini di Feltre e Ail

Questa mattina sono state consegnate all’ospedale di Feltre due importanti donazioni. La Sezione di Feltre dell’Associazione Nazionale Alpini, sempre sensibile e disponibile nel supportare l’ospedale,...

Matteo Sponga è il nuovo direttore di Medicina Legale dell’Ulss Dolomiti

Matteo Sponga è stato nominato direttore della Unità Operativa Complessa di Medicina Legale dell’Ulss Dolomiti. L’UOC di Medicina Legale, afferente al Dipartimento di Prevenzione, svolge...
Share