Friday, 13 December 2019 - 10:04
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Scuole danneggiate dall’alluvione: in arrivo 138mila euro dal Ministero

Gen 9th, 2019 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Scuola

Jacopo Massaro, sindaco di Belluno

Ammonta a poco meno di 140mila euro il contributo deliberato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca a favore del Comune di Belluno per la sistemazione dei danni agli edifici scolastici in seguito all’alluvione di fine ottobre.
«Questi 138mila euro ci consentiranno di coprire le spese già effettuate per rendere di nuovo sicure e agibili le nostre strutture scolastiche”.

Lo dichiara il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro.

“Tutte le operazioni di sistemazione sono state eseguite con urgenza per garantire la riapertura in sicurezza delle scuole subito dopo l’alluvione; per tutti gli altri interventi urgenti già effettuati, eseguiti dalla Protezione civile comunale o da ditte esterne, invece, abbiamo ricevuto a copertura delle spese sostenute solo 98mila euro».

Gli interventi finanziati sono i seguenti:
Scuola media “Zanon”; Rifacimento .tetto, lamiere e guaine; 7.000 euro
Scuola materna “Sopracroda”; Tetto, coppi spostati e Infiltrazioni; 35.000 euro
Scuola elementare “Mur di Cadola”; Piante pericolanti; 1.800 euro
Scuola materna di Levego; Camino distrutto dal vento; 2.500 euro
Scuola elementare Chiesurazza; Alberi da rimuovere e rete di recinzione schiacciata dagli alberi; 2.800 euro
Scuola materna “Buzzati”; Lampade di emergenza, centrale termica, tetto scoperchiato con infiltrazioni, recinzione rotta, piante pericolanti; 18.000 euro
Scuola elementare Valeriano; Danni al tetto, rimozione piante abbattute; 10.000 euro
Scuola ex Gil Castion; Tetto, Infiltrazioni, rifacimento controsoffitto; 35.000 euro
Scuola elementare Cappellani; Sostituzione pavimentazione in legno in due aule allagate, rifacimento davanzali e copri-termosifoni in legno; 11.000 euro
Scuola elementare Dal Mas; Infiltrazioni di acqua nel tetto e pareti danneggiate; 15.000 euro

«Un ringraziamento – conclude Massaro – va all’ANCI che costantemente supporta noi e tutti i comuni alluvionati in questa fase di ricostruzione, sia “burocraticamente” che materialmente, grazie anche al sostegno del personale di numerosi comuni italiani distaccati nelle varie zone del disastro per supportare la macchina amministrativa».

Share

Comments are closed.