Sunday, 8 December 2019 - 00:18
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sabato 5 gennaio torna con i Pavarui, il rito dei falò epifanici a Cencenighe. Con l’occasione una serata di festa al Nof Filò con gli tradizionali gnocchi e tanta buona musica

Gen 2nd, 2019 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè, Sport, tempo libero

Quella dei falò della vigilia dell’Epifania, i Pavarui, è una tradizione che a Cencenighe, come in altre zone dell’Agordino, si perde nella notte dei tempi. Un tempo ogni frazione accendeva il proprio rogo e quando le campane suonavano il vespro, tutta la valle era un punteggiare di fiamme, dalle frazioni più alte a quelle del fondovalle. Tutta la comunità si ritrovava attorno al fuoco, i più piccoli per giocare, gli adulti e gli anziani per fare un po’ di festa e per trarre dalla direzione che prendevano le fiamme gli auspici per il nuovo anno. Questa tradizione si è conservata fino ai giorni nostri e non è raro vedere in questi giorni cataste di legna che vengono preparate in varie zone del paese per essere accese quando scende la sera, nella speranza che arrivi la tanto desiderata neve per accenderle in sicurezza. L’usanza si è inoltre arricchita di una suggestiva “succursale” in quota: sono infatti numerosi i gruppi di appassionati alpinisti che salgono sulle cime che circondano il paese per illuminarle con le torce in un affascinante percorso di luce. Da alcuni anni, inoltre, la Pro Loco di Cencenighe propone per la serata un momento conviviale e di incontro presso il Nof Filò, per ritrovarsi in allegria e festeggiare l’arrivo della Befana. Dal tardo pomeriggio, infatti, l’appuntamento è presso la sala al centro del paese per i gnoch co la pòina e la musica dal vivo con i “Wilmer e Paolo”. L’ingresso è a offerta libera.

Share

Comments are closed.