Wednesday, 19 June 2019 - 18:05

Alito cattivo: come combatterlo dall’igiene orale all’alimentazione

Dic 10th, 2018 | By | Category: Prima Pagina, Sanità

Avere un alito pesante, soprattutto in alcune occasioni, può condizionare la propria vita sociale e causare imbarazzo e insicurezza di sé. In alcuni casi l’alitosi dipende da scelte alimentari particolari oppure da problemi digestivi, risolvibili con una alimentazione meno pesante e l’aiuto di un antiacido.

Ma non è sempre questa la causa dei problemi di alitosi, infatti le ragioni potrebbero essere dovute alla salute della bocca stessa, magari per una cattiva e disattenta igiene orale. Vediamo allora la correlazione tra la salute del cavo orale ed eventuali problemi di alitosi.

La relazione tra l’alito cattivo e la salute della bocca

Quando la condizione di alito cattivo è occasionale, allora siamo in presenza di un’alitosi di tipo fisiologico, che può dipendere dall’alimentazione o o da un bicchiere di troppo.

Se invece ci troviamo a dover combattere regolarmente con l’alito cattivo, allora si tratta di un problema patologico e ci sono molte possibilità che possa dipendere dal cavo orale. Denti cariati, presenza di placca e tartaro, infezioni gengivali che causano sanguinamento, sono solo alcune dei possibili campanelli d’allarme di una scarsa igiene orale.

Comunque sia, se abbiamo problema con la nostra salute orale, molto probabilmente sarà questa la causa dell’alito cattivo. Secondo il parere dei medici infatti le ragioni dell’alitosi, nel 90% dei casi, dipendono dalla cattiva igiene orale e l’unica maniera per eliminarla è curare la salute della propria bocca.

Tuttavia non bisognerebbe mai arrivare a questo punto, perché la cura del cavo orale dovrebbe essere regolare e costante sia con dei controlli periodici da uno specialista, sia mantenendo una sana igiene orale, magari utilizzando prodotti specifici adatti alle proprie esigenze.

Altri consigli per combattere l’alitosi

Le buone abitudini per combattere l’alitosi partono dunque da una corretta igiene orale: bisogna lavare spesso i denti ricordandosi di spazzolare la lingua, usare un collutorio e rifinire la pulizia con il filo interdentale.

Ma si può fare molto per l’alito cattivo anche riducendo il fumo e gli alcoolici, bevendo molta acqua e facendo attenzione ad alcuni cibi, che sono in diretta correlazione con l’alitosi. I formaggi e i salumi, ad esempio favoriscono formazioni solforose, mentre aglio e cipolla sono rinomati per liberare durante la digestione un odore pesante.

Invece mangiare poco e spesso aiuta a mantenere un alito sano, soprattutto se si assumono fibre, vitamine e minerali presenti in abbondanza nei prodotti freschi o se si masticano cibi che contengono elementi abrasivi, in grado di pulire la lingua col semplice passaggio.

La cura della bocca non risolve solo i problemi di alitosi

Una corretta igiene orale non combatte solo l’alitosi, ma previene anche numerosi problemi di salute. La mancata cura dei denti, infatti, non comporta solo imbarazzo e disagio dovuto all’alito cattivo, ma anche problemi ben più seri a tutta la bocca.

Share

Comments are closed.