Sunday, 15 September 2019 - 20:06
direttore responsabile Roberto De Nart

Alluvione. Paolo Doglioni (Confcommercio): “Uniti per far ripartire subito il territorio”

Nov 2nd, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

Paolo Doglioni

“Fuoco, vento, pioggia, esondazioni, frane stanno mettendo in ginocchio la nostra Provincia. Stiamo facendo il consuntivo dei danni riportati dagli operatori economici del turismo, commercio e servizi nellle varie zone del territorio, ma lo scenario si fa sempre più pesante e la lista delle criticità assume proporzioni davvero inaspettate”, afferma costernato il presidente di Confcommercio Belluno, Paolo Doglioni.

“Certo è che le conseguenze sarebbero potute essere ancor più drammatiche se tutte le autorità preposte non avessero messo in moto una macchina di allerta così efficiente e puntuale e non ci fosse stata una reazione che non esito a definire eroica da parte di Sindaci, Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Sistemi di soccorso a tutti i livelli,compreso quello dei volontari organizzati del territorio. A tutti costoro va il più profondo ringraziamento e la stima mia personale e di tutta l’Associazione”.

“In questo quadro drammatico apprezzo con vero compiacimento l’unità d’intenti che sta animando i nostri governanti a tutti i livelli. Le proposte del Governatore Zaia vanno nel senso di dare respiro alle aziende che, impegnate nella ricostruzione, non possono fare fronte alle scadenze degli impegni finanziari; l’ordine del Giorno presentato in forma bipartisan dai nostri parlamentari porta ugualmente al centro dell’attenzione la necessità di aver la disponibilità di risorse per ricostruire infrastrutture e sistemi economici per far ripartire l’economia senza lasciare vuoti occupazionali ”.

Il presidente di Federalberghi, Walter De Cassan, concorda con il presidente provinciale, sottolineando da un lato la necessità di interventi tempestivi per mettere in condizione il sistema ricettivo di non perdere la prossima stagione invernale. “Mai quanto ora – sottolinea De Cassan – si vede il fondamentale ruolo degli operatori del terziario sul territorio per fornire anche il primo supporto a quanti sono impegnati a difendere case e strade, arginare corsi d’acqua e garantire le condizioni per la sussistenza, specie nelle zone a maggior rischio e soggette a pericolo di isolamento.”

Doglioni conclude con un appello: “Mi sto tenendo in costante contatto con Uffici periferici, Delegati territoriali e sindaci, assicurando ogni forma di collaborazione utile a veicolare informazioni o rendere maggiormente efficace la macchina dei soccorsi. Superata questa prima fase, tuttavia, ci sarà bisogno del sostegno del sistema creditizio con interventi eccezionali a cui stiamo già lavorando. Inoltre dovremo comprendere il perché di alcuni problemi che, nonostante l’eccezionalità dell’evento, potevano essere gestiti in modo radicalmente diverso. Mi riferisco al sistema di distribuzione elettrica, per cui Terna aveva garantito, dopo gli eventi del 2013, un piano di investimenti e miglioramenti che, se ci sono stati, non hanno certo sortito gli effetti sperati di evitare isolamenti prolungati di vaste aree.”

Share

Comments are closed.