13.9 C
Belluno
domenica, Luglio 5, 2020
Home Cronaca/Politica Il Piave supera l'argine a Belluno. Esondato al Parco di Lambioi. Possibili...

Il Piave supera l’argine a Belluno. Esondato al Parco di Lambioi. Possibili evacuazioni

Belluno, 30 ottobre 2018 Piave esondato

Belluno, 29 ottobre 2018  –  Alle ore 21,30 il livello delle acque del Piave all’altezza del Ponte della Vittoria era di 4,57 metri. Successivamente, con l’apertura dei bacini a monte, il livello si è ulteriormente innalzato fino ad esondare. L’acqua ha quindi invaso la zona del Parco di Lambioi scavalcando l’argine, interessando anche i parcheggi.

I soccorritori stanno andando nelle zone lungo il Piave (via Alzaia, Col da Ren, sopralluogo a Levego, via Miari, ex Locanda, etc) per avvisare i residenti di una possibile evacuazione.

Si sta attrezzando la scuola media Ricci per l’eventuale accoglienza.

Alla luce delle gravi difficoltà che il maltempo sta provocando nel bellunese, l’Unità di Crisi della Regione del Veneto comunica che è stata attivata la procedura prevista dalla nuova normativa in materia di Protezione Civile per l’invio di forze nazionali nell’area. La cosa è resa possibile dalla richiesta formale inviata ieri al Presidente del Consiglio Conte dal Presidente della Regione Zaia e dall’accoglimento della stessa ufficializzato stamattina dal Premier.

La Protezione Civile Nazionale sta inviando nel bellunese i primi 100 uomini, volontari dell’Associazione Nazionale Alpini, e 30 Vigili del Fuoco, con le necessarie attrezzature.

L’Unità di Crisi regionale, specifica che dalla Prefettura di Belluno è stata segnalata la necessità di pompe, pompe per fango, e torri faro, stante che, al momento, risultano al buio circa 110.000 utenze elettriche.

Grazie all’invio di uomini e mezzi dal livello nazionale, le forze a disposizione del Veneto possono rimanere concentrate anche sulle province di Padova, Vicenza e Venezia, dove si stanno registrando altre criticità e dove, tra alcune ore, sono attese importanti problematiche per la discesa a valle delle acque.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giornata di pulizia in Nevegal, 40 volontari in azione sui sentieri

Grande successo per l'iniziativa di sfalcio e pulizia dei sentieri del Nevegal, che questa mattina ha raccolto ben 40 volontari che dalle 7.30 fino...

Code in Alemagna, Padrin: «Nell’estate della montagna non possiamo permetterci di perdere turisti per colpa degli ingorghi»

«Non possiamo più sopportare gli ingorghi del traffico. In un’estate che potrebbe essere quella giusta per la nostra montagna, non possiamo permetterci il rischio...

Due interventi in montagna

Alle 13.40 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sorgenti del Piave, a Sappada (UD), dove un ciclista era...

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...
Share