13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 4, 2020
Home Cronaca/Politica Approvata alla Camera la legge M5S sulla “filiera corta”.  D’Incà: “Sarà di...

Approvata alla Camera la legge M5S sulla “filiera corta”.  D’Incà: “Sarà di grande aiuto per il territorio bellunese”

Federico D’Incà, deputato (M5S)

Prodotti freschi ogni giorno, che favoriscono la crescita dell’economia locale delle produzioni primarie e la tutela delle tradizioni culinarie e artigianali: è stata approvata alla Camera la Legge sulla filiera corta, proposta dal Movimento 5 Stelle per valorizzare e promuovere la vendita di prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile.

La legge è stata concepita con lo scopo di rispondere alla volontà dei consumatori che ricercano sempre di più prodotti locali di chiara provenienza, in contrasto con quelli che – per esempio – hanno percorso 2000 chilometri per arrivare nei supermercati. Prodotti di cui non si ha certezza del numero di intermediari, tra il produttore e il consumatore finale, che hanno contribuito a farli arrivare sui nostri scaffali, con ovvie conseguenze sulla conservazione e sulla freschezza.

“A questa crescente tendenza si associano notevoli benefici – ricorda il deputato bellunese del Movimento 5 Stelle Federico D’Incà – per prima cosa acquistando da filiera corta avremo la certezza della freschezza dei prodotti acquistati, inoltre i soldi andranno a produttori che lavorano al massimo a 70 chilometri dal luogo di vendita”.

“In questo modo – continua il parlamentare – favoriremo la crescita dell’economia locale delle produzioni primarie, tutelando e valorizzando le tradizioni culinarie e artigianali, che diversamente andrebbero perdute. Si tratta di una legge che potrà aiutare il territorio bellunese e le sue produzioni, privilegiando appunto la filiera corta tra i produttori e i consumatori”. Questa innovazione va vista anche nell’ottica dell’applicazione del marchio “Prodotto di Montagna”, per favorire la tradizione bellunese.

“A livello ambientale, invece, si avrà l’abbattimento delle emissioni inquinanti – ricorda quindi D’Incà – perché quando acquistiamo un prodotto che arriva da migliaia di chilometri non dobbiamo dimenticare tutta la strada che ha percorso con navi, camion o aerei che purtroppo comportano inevitabilmente emissioni inquinanti”.

“Il trend è molto chiaro – conclude il deputato – il numero dei consumatori che ricercano prodotti locali in cui è chiaro il luogo di produzione è sempre maggiore, perché porta importanti informazioni per il consumatore, prodotti genuini, di stagione e di qualità. Inoltre questo sistema garantisce un reddito più elevato ai produttori locali, che senza un’attenzione particolare potrebbero essere annientati dalla concorrenza della grande distribuzione”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giornata di pulizia in Nevegal, 40 volontari in azione sui sentieri

Grande successo per l'iniziativa di sfalcio e pulizia dei sentieri del Nevegal, che questa mattina ha raccolto ben 40 volontari che dalle 7.30 fino...

Code in Alemagna, Padrin: «Nell’estate della montagna non possiamo permetterci di perdere turisti per colpa degli ingorghi»

«Non possiamo più sopportare gli ingorghi del traffico. In un’estate che potrebbe essere quella giusta per la nostra montagna, non possiamo permetterci il rischio...

Due interventi in montagna

Alle 13.40 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sorgenti del Piave, a Sappada (UD), dove un ciclista era...

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...
Share