13.9 C
Belluno
domenica, Luglio 12, 2020
Home Prima Pagina Riparte il Pedibus a Mussoi. Tomasi: «Cerchiamo ancora volontari»

Riparte il Pedibus a Mussoi. Tomasi: «Cerchiamo ancora volontari»

Valentina Tomasi, assessore

È ripartito nei giorni scorsi il servizio di Pedibus a Mussoi, che si va così ad aggiungere a quello già rodato alle scuole di Badilet.
«Quello del Pedibus è un servizio che vorremmo estendere anche ad altre scuole del nostro comune, – spiega l’assessore Valentina Tomasi – per questo cerchiamo altri volontari».

Al momento, sono due i Pedibus in attività: quello di Badilet, organizzato dal comitato di volontari locali che hanno seguito un corso di formazione promosso dalla Protezione Civile comunale, e quello di Mussoi, che può contare sulla collaborazione del Comune di Belluno con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’ULSS e la Polizia Locale, che si occupa della formazione dei volontari: «Il Pedibus diventa un’ottima occasione per i bambini per socializzare, è un momento di compagnia e divertimento, ma è anche la base per uno stile di vita sano: permette loro di fare attività fisica e di rispettare l’ambiente, abituandoli a spostarsi a piedi e non solo con i mezzi a motore, e di imparare a comportarsi in strada, ad attraversare sulle strisce, a camminare sul marciapiede, etc», sottolinea Tomasi.

«È un’opportunità che vorremmo estendere anche ad altre località, penso ad esempio a frazioni popolose come Cavarzano, – afferma l’assessore – ma servono i volontari: alcuni Pedibus non sono stati avviati proprio per la loro mancanza, ed è un servizio molto difficile da attivare a pagamento, magari incaricando qualche associazione, visti gli orari richiesti e il poco tempo impegnato; parliamo di mezz’ora al mattino e mezz’ora all’ora di pranzo. Per questo, rilanciamo la “campagna” di iscrizione al nostro Albo dei volontari, per aiutare in queste o altre iniziative».

Come iscriversi? «Per entrare nell’Albo dei volontari, e quindi poter sostenere anche il Pedibus, basta rivolgersi alla Protezione Civile del Comune, – spiega Tomasi – mentre invece chi vuol dare una mano come “Nonno Vigile”, quindi aiutando con il traffico nei pressi delle scuole, deve comunicare il suo interesse alla Polizia Locale. Le strumentazioni necessarie, le pettorine e l’assicurazione viene fornita gratuitamente dal Comune; ai nostri volontari chiediamo solo la risorsa più preziosa: la loro disponibilità».

Share
- Advertisment -



Popolari

Apertura Pian Longhi. Bortoluzzi e Vendraminit: «Grande opportunità di rilancio; il Nevegal è importante per tutta la provincia»

«Il Nevegal ha enormi potenzialità turistiche e il riavvio della struttura di Pian Longhi rappresenta una grande opportunità per il rilancio del Colle. Auguriamo...

Lettera del 12enne che non voleva fare la fila. E la replica del gestore del rifugio

Egregio Signor Direttore di Belluno Press - Quotidiano on-line Sono un ragazzo di 12 anni, vicentino, venuto qui in vacanza per qualche tempo e vorrei segnalarLe cosa...

Incidente mortale a Cibiana di Cadore. Altri interventi del Soccorso alpino

Cibiana di Cadore (BL), 10 - 07 - 20   Attorno alle 21 la Centrale del 118 è stata allertata da un passante che, imbattutosi...

Dai vigneti alla tavola una storia che nasce in Veneto, passa dalla Toscana e torna tra le montagne bellunesi, a Val di Zoldo, alla...

  "Abbiamo racchiuso l'emozione e l'ebbrezza di un buon vino e di un buon piatto, la gioia di ritrovarli insieme e condividerli in un abbinamento...
Share