13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 4, 2020
Home Cronaca/Politica Zanoni (PD), Guarda (AMP) e Bartelle (M5S): "Ancora un cervo lasciato morire...

Zanoni (PD), Guarda (AMP) e Bartelle (M5S): “Ancora un cervo lasciato morire agonizzante a bordo strada. L’Ulss non può nascondersi dietro la burocrazia, è un comportamento disumano”

Andrea Zanoni – consigliere regionale Pd

Cristina Guarda, consigliere regionale

Venezia, 17 ottobre 2018  –  “Ancora un animale selvatico, questa volta un cervo, lasciato agonizzante ai bordi della strada per un’intera notte lungo la Strada provinciale 1, in zona Cadola (Ponte nelle Alpi). È un comportamento abominevole, occorre agire subito, non possiamo rimanere inchiodati alla burocrazia. La Provincia di Belluno ha aperto un bando per una convenzione con i veterinari privati pubblicato sul suo sito istituzionale alla voce ‘Gare, appalti, aste avvisi di pre e post informazione’ che scadrà il prossimo 24 ottobre, nel frattempo però nessuno interviene”.

Ad affermarlo sono Andrea Zanoni (PD), Cristina Guarda (AMP) e Patrizia Bartelle (M5S) dell’Intergruppo per il benessere e la conservazione degli animali e della natura.

Patrizia Bartelle

“È inaudito lo scaricabarile dell’Ulss che si nasconde dietro il paravento dell’attività non compresa tra i livelli essenziali di assistenza (Lea) erogati dal Servizio sanitario nazionale.

È una risposta bizzarra, poiché la fauna selvatica, considerata patrimonio indisponibile dello Stato, dovrebbe per logica rientrare tra le competenze delle Ulss.

E comunque in episodi del genere non si può parlare di problemi di burocrazia, si tratta di umanità. Non possiamo credere che non si trovi nessuno in grado di porre fine alle sofferenze di un cervo, un animale che lo stesso trattato di Lisbona dell’Ue considera ‘essere senziente’.

Senza dimenticare che la presenza di un animale agonizzante così imponente sulle strade rappresenta un pericolo per la circolazione”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Giornata di pulizia in Nevegal, 40 volontari in azione sui sentieri

Grande successo per l'iniziativa di sfalcio e pulizia dei sentieri del Nevegal, che questa mattina ha raccolto ben 40 volontari che dalle 7.30 fino...

Code in Alemagna, Padrin: «Nell’estate della montagna non possiamo permetterci di perdere turisti per colpa degli ingorghi»

«Non possiamo più sopportare gli ingorghi del traffico. In un’estate che potrebbe essere quella giusta per la nostra montagna, non possiamo permetterci il rischio...

Due interventi in montagna

Alle 13.40 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato al Rifugio Sorgenti del Piave, a Sappada (UD), dove un ciclista era...

Aumenta il rischio di contagio coronavirus. Lunedì una nuova ordinanza Zaia con regole più restrittive

Torna l’allarme contagio. Nelle vicine Slovenia, Serbia e Croazia il virus ha ripreso la sua corsa e i contagi sono aumentati. Non va meglio...
Share