13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 11, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Prezzo dei carburanti alle stelle. Roccon (Usarci): subito una raccolta di firme

Prezzo dei carburanti alle stelle. Roccon (Usarci): subito una raccolta di firme

Franco Roccon

“Sui costi di gasolio e benzina subito un intervento del governo”. Il grido di protesta parte dagli agenti di commercio uniti in Usarci. Il motivo è presto detto, l’oscillamento dei prezzi ha visto una definitiva impennata nell’ottobre 2018, quando il valore al litro ha raggiunto 1,664 per benzina e 1,560 per gasolio. Una crescita ingiustificata, secondo l’Unione sindacale agenti e rappresentanti di commercio di Belluno e del Veneto, dal momento che da anni il costo al barile oscilla tra72 e 75 dollari.
Di contro in Italia gli aumenti, nel corso dell’ultimo anno, si attestano attorno a quasi il 10% per la benzina e al 13,5% per il gasolio, una crescita che si ripercuote di conseguenza sui costi e sul fatturato della categoria che, ora, ha deciso di dire “Basta!” e di passare all’azione.
“Chiediamo a gran voce un intervento governativo – afferma Franco Roccon, presidente di Usarci Veneto, il sindacato che affianca e tutela gli agenti di commercio -, perché gli aumenti abbiano una concreta giustificazione e non siano mera speculazione di petrolieri senza scrupoli. Richiamiamo il Governo al suo dovere, ad intervenire e applicare quanto annunciato più volte; parlo dell’eliminazione di accise sui carburanti che incidono notevolmente sul costo al litro e che riguardano ancora eventi come il Vajont, i vari terremoti degli ultimi 50 anni, perfino guerre del secolo scorso, operazioni che ormai hanno abbondantemente coperto i costi statali degli interventi. Non si può fare cassa sempre e solo su chi utilizza l’auto; per gli agenti e i rappresentanti di commercio la vettura è il principale ed insostituibile mezzo di lavoro”.
Il piano è chiaro, le azioni decise.
“Avvieremo, nell’interesse dei quasi 30 mila agenti operanti nel Veneto, una raccolta firme on line attraverso Change.org – spiega il presidente – per sensibilizzare il governo e i suoi rappresentanti e spingerli ad intervenire immediatamente per monitorare gli aumenti ingiustificati che dal febbraio 2016 hanno visto impennarsi il costo dei carburanti, passati silenziosamente in soli due anni, da 1,370 a 1,522€/litro la benzina, con un +21% e con il gasolio da 1,181 a 1,560 euro al litro con un +32%. Il costo della vita certamente non ha seguito lo stesso andamento e nemmeno gli aumenti delle provvigioni che gli agenti incassano con il proprio lavoro. Urge intervenire immediatamente”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Apertura Pian Longhi. Bortoluzzi e Vendraminit: «Grande opportunità di rilancio; il Nevegal è importante per tutta la provincia»

«Il Nevegal ha enormi potenzialità turistiche e il riavvio della struttura di Pian Longhi rappresenta una grande opportunità per il rilancio del Colle. Auguriamo...

Lettera del 12enne che non voleva fare la fila. E la replica del gestore del rifugio

Egregio Signor Direttore di Belluno Press - Quotidiano on-line Sono un ragazzo di 12 anni, vicentino, venuto qui in vacanza per qualche tempo e vorrei segnalarLe cosa...

Incidente mortale a Cibiana di Cadore. Altri interventi del Soccorso alpino

Cibiana di Cadore (BL), 10 - 07 - 20   Attorno alle 21 la Centrale del 118 è stata allertata da un passante che, imbattutosi...

Dai vigneti alla tavola una storia che nasce in Veneto, passa dalla Toscana e torna tra le montagne bellunesi, a Val di Zoldo, alla...

  "Abbiamo racchiuso l'emozione e l'ebbrezza di un buon vino e di un buon piatto, la gioia di ritrovarli insieme e condividerli in un abbinamento...
Share