Saturday, 17 November 2018 - 16:00

Gli artigiani ampezzani dell’Appia si schierano a favore delle Olimpiadi 2026

Ott 17th, 2018 | By | Category: Eventi, sport, tempo libero, Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

A seguito delle riflessioni e delle considerazioni delineatesi nel Direttivo della sede APPIA di Cortina d’Ampezzo, il Presidente Roger Alberti, in sintonia con la presidenza provinciale dell’Associazione, ha voluto esternare quanto è emerso con forza dalle rappresentanze degli artigiani ampezzani. Questo anche in ragione della riconosciuta storicità della presenza dell’APPIA a Cortina, profondamente radicata fin dal dopoguerra nel tessuto sociale e imprenditoriale della conca.

Durante i lavori del Direttivo APPIA, è stata rimarcata la grande opportunità offerta a Cortina d’Ampezzo dalla candidatura alle olimpiadi invernali del 2026, che fa seguito all’assegnazione a Cortina dell’organizzazione dei mondiali di sci alpino del 2021.

Le olimpiadi – sottolinea nella nota l’Appia di Cortina – oltre ad essere un importante veicolo di promozione per il Veneto e per l’Italia, rappresentano un’inestimabile occasione di crescita per l’ampezzano e per tutta la provincia di Belluno, all’insegna dell’innovazione e del rafforzamento dell’esistente. Pensiamo in primo luogo al turismo, nazionale e internazionale, a quanti già da tempo vedono in questa risorsa e nel suo indotto ricettivo e produttivo la prima chiave di sviluppo della nostra provincia. Pensiamo più in generale, soprattutto nelle terre alte del bellunese, a una ritrovata capacità di attrazione che possa contrapporsi allo spopolamento e al calo demografico. Pensiamo al potenziamento delle infrastrutture materiali e immateriali, nota dolente in un territorio montano come quello bellunese, e al rinnovo delle strutture ricettive. In quest’ambito, l’organizzazione dei mondiali 2021 sta dimostrando anche che è possibile un approccio ecosostenibile a basso impatto ambientale. Certamente le occasioni offerte dai mondiali di sci alpino e dalle olimpiadi invernali serviranno a stimolare e incentivare le attività delle imprese artigiane che da sempre rivestono, per la loro capacità di creare valore e lavoro, un ruolo sociale ed economico di primo piano. In particolare, le aziende artigiane cortinesi tramandano tradizioni artistiche e culturali del loro territorio, coniugandole con le linee, gli stili e le tecnologie più attuali e innovativi, spesso non ricevendo il giusto riconoscimento per la concreta ricchezza economica, occupazionale e, ancora una volta culturale, che ogni giorno costruiscono.

In quest’ambito, dagli artigiani cortinesi dell’APPIA giungono due importanti richieste. La prima, rivolta soprattutto alle istituzioni, è quella di favorire le imprese locali, anche, ad esempio, attraverso la semplificazione del codice degli appalti pubblici, che il governo ha posto tra i suoi obiettivi. La seconda richiesta, già espressa molte volte in passato e rinnovata ora, è quella di coltivare maggiormente una politica di sinergia e confronto costante tra le istituzioni e gli attori economici del territorio, in primo luogo le rappresentanze delle imprese. In egual misura, deve essere mantenuta e rafforzata la medesima sinergia anche tra le associazioni datoriali che sono la voce delle imprese. A questo proposito, APPIA, per il tramite del suo Direttivo di Cortina d’Ampezzo, ribadisce nuovamente la disponibilità e la volontà degli artigiani di porre le loro capacità professionali al servizio della comunità bellunese, per contribuire a progettare e gestire al meglio le importanti sfide del 2021 e del 2026.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.