Saturday, 20 October 2018 - 18:58

Più traffico, più Sim, più dati: dove sta andando Internet?

Ott 8th, 2018 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Pausa Caffè

I report annuali commissionati con cadenza periodica dalle aziende che si occupano di comunicazione e nuove tecnologie producono sempre una doppia impressione. Da un lato sono lo specchio di un presente in cui tutti noi siamo immersi e che servono quindi a farci capire dove siamo. Dall’altro ci proiettano in un futuro fatto di numeri e statistiche che dovrebbe funzionare da bussola rispetto a quello che ci aspetta o che dovremmo aspettarci.

ph Lilly Rum

Quello redatto dalla Ericson non fa eccezione e sorprende innanzitutto per l’impressionante numero di SIM che oggi, nel mondo, sono a disposizione di più di un utente. Sì perché il loro numero supera ampiamente gli abitanti della terra con una percentuale del 103%. Più schede che abitanti. Le cifre del resto parlano chiaro: 7,6 miliardi di abitanti e 7,8miliardi di SIM.

Da quando fu inventato il primo prototipo nel 1991 che poteva contenere 120 numeri memorizzati e 10 SMS siamo passati a quelle attuali in dotazione a smartphone che al confronto dei primi cellulari rappresentano dei veri e propri computer tascabili. La crescita dei Subscriber Identity Module (SIM) nel periodo considerato dal Mobility Report della Ericsonn è pari al 2% ogni anno con in testa la Cina seguita da Sudafrica, Filippine, Myanmar e Pakistan.

Parallelamente l’analisi della società svedese registra un aumento impressionante del traffico da dispositivi mobili con i contenuti video in testa alla classifica. Rispetto al secondo trimestre del 2017 il traffico dati ha fatto registrare una crescita del 52%, impennata resa possibile dal progressivo aumento di Giga a disposizione degli utenti a tariffe sempre più vantaggiose. Questi due fattori insieme ad altri hanno determinato un accesso ai contenuti video legati in particolar modo al settore del gaming e dell’intrattenimento disponibili non più esclusivamente da desktop, ma fruibili anche in mobilità.

Secondo una ricerca condotta da Google su 1.519 intervistati, il 98% di questi ha dichiarato di utilizzare i loro dispositivi mobili per guardare video. Numeri che fanno riflettere, ma che sono del resto coerenti con l’impiego che molti di noi fanno dei loro smartphone quando guardiamo contenuti su Facebook e li condividiamo con i nostri amici oppure quando seguiamo la nostre serie tv preferite direttamente da tablet o smartphone. È questo del resto che ha decretato il successo di Netflix che nel corso degli anni ha saputo innovarsi ed espandersi anche grazie alla possibilità di scaricare app per vedere i nostri contenuti video preferiti direttamente da smartphone.

Lo stesso settore del gaming ha beneficiato negli anni del potenziamento dei dispositivi mobili dai quali è possibile assistere alle partite dei giocatori o a eventi e competizioni legate al mondo degli esport. Prima fra tutte Twitch, leader del settore, che è andata anche oltre ritagliandosi una nicchia anche nel mondo dei giochi di carte tra cui troviamo streamer ormai conosciuti che si sono ritagliati un loro pubblico, sempre più in crescita tra l’altro, nel mondo del poker sportivo. E non è un caso allora che ogni anno venga stilata la classifica dei contenuti video più visti al mondo con un numero di visualizzazioni impressionante. Nel 2017 la performance di un cantante mascherato da ostrica, in uno show thailandese, ha raggiunto un totale di 181milioni di visualizzazioni nel corso dell’anno. Per arrivare ai nostrani The Giornalisti che con il loro video Riccione sono stati visti da 55milioni di utenti.

E il futuro? Di certo saranno sempre più i contenuti video a trainare il futuro della connettività da mobile, con il potenziamento della attuali reti grazie al passaggio al 5G. Il nuovo sistema di trasmissione dati permetterà, tra le altre cose, di accedere a contenuti pesanti dal punto di vista della quantità dati con grande facilità e velocità. Gli attuali periodi di latenza che rendono parecchio frustrante, soprattutto in alcune aree, la visualizzazione di simili contenuti saranno solo un ricordo. Stesso discorso per la rapidità di download che renderà felice più di un utente.

Questa è la direzione in cui sta andando Internet. Un web sempre più connesso e legato ai dispositivi mobili.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.