Tuesday, 15 October 2019 - 23:29
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Tre medaglie d’oro ai caseifici bellunesi a Villa Contarini alla rassegna dei formaggi Caseus Veneti 2018

Set 29th, 2018 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

Sono 46 i caseifici premiati a Caseus Veneti 2018, di cui 15 vicentini, 3 bellunesi , 5 veronesi, 21 trevigiani, 1 veneziano e 1 padovano. 38 in tutto le categorie che individuano stagionature, lavorazioni, tipi di latte e denominazioni. Trionfano le tradizioni, la qualità e l’antico mestiere del casaro ma trionfa anche un settore che avanza coraggiosamente non senza difficoltà. È il comparto lattiero-caseario veneto che, con le unghie con i denti, difende una produzione fatta di grandi eccellenze e di piccoli caseifici, di cooperative ma anche di malghe e fattorie.

“Un comparto che porta il Veneto nel mondo – ha sottolineato Luca Zaia, presidente di Regione Veneto, al taglio del nastro che ha inaugurato la rassegna – a questi produttori dobbiamo dire grazie per l’impegno, le tante ore di lavoro e l’attenzione con cui producono le eccellenze casearie oggi in mostra. A loro deve andare il riconoscimento di tutti noi”.

Un comparto che Caseus Veneti premia da 14 edizioni, promuovendo, al tempo stesso, l’infinita varietà e qualità dei prodotti caseari della regione: ben 415 i formaggi iscritti quest’anno, 12 in più del 2017, in una manifestazione che mette in mostra fasi produttive, degustazioni ed abbinamenti per tutti i gusti.

“La cerimonia di premiazione – commenta Terenzio Borga, presidente Aprolav – mette in luce quante fattorie, quante categorie, e quanti prodotti ci siano. Solo in Italia e, in particolare, nel Veneto, il consumatore ha una scelta così vasta e di grande qualità, grazie anche ai disciplinari di produzione che impongono regole ferree a garanzia della sicurezza alimentare. Per tutti questi motivi è nato Caseus Veneti, per premiare chi, ogni giorno, anche nelle feste comandate, lavora con passione, nella convinzione che i formaggi apportino un valore altissimo a tutto il territorio”.

“Circa l’85% della produzione di latte veneto si trasforma in formaggi DOP – ha evidenziato l’Assessore regionale all’Agricoltura Giuseppe Pan – un dato che racconta più degli altri la grande sicurezza dei nostri prodotti. Un settore, il lattiero caseario veneto, che può esprimere ancora grandi potenzialità, anche attraverso la promozione”.

Non a caso l’evento da qualche anno trova anche il supporto Consorzi vitivinicoli come Asolo Montello DOCG e Prosecco DOC, le cui produzioni più rinomate accompagnano le degustazioni della manifestazione.

Grande affermazione per Lattebusche, che con tre premi in altrettante categorie ha confermato la grande vocazione del caseificio bellunese per le produzioni di qualità.

E dopo le premiazioni, Caseus Veneti è stata una festa della famiglie e che si rinnova coinvolgendo anche altre zone di produzione come quelle istriane.

Tutti i formaggi bellunesi premiati:
Asiago DOP stagionato mezzano (4-6 mesi) – Lattebusche
Grana Padano DOP (oltre 20 mesi) – Lattebusche
Piave DOP – Lattebusche

Il programma di Caseus Veneti:
DEGUSTAZIONI | Confermate dopo il successo delle scorse edizioni anche le degustazioni guidate di formaggi DOP in abbinamento ai vini del Consorzio Vini Asolo Montello e Colli Asolani (previste domenica alle 11:00, 13:00, 15:00 e 17:00). Disponibili 40 posti per ogni degustazione. Da non perdere anche Le sorprese dei sensi, degustazioni al buio dei formaggi veneti realizzate in collaborazione con la Fondazione Lucia Guderzo Onlus; disponibili in questo caso 25 posti per ogni turno, con tre appuntamenti per la giornata di sabato e cinque per la giornata di domenica. Non mancheranno inoltre i cooking show, dal titolo Saranno Famosi, realizzati da 7 Chef emergenti e “UNDER 30”, che faranno parlare di sé e che, ci scommettiamo, saranno i futuri protagonisti della cucina Veneta. Tra questi Andrea Nardin che elaborerà una ricetta con il Monte Veronese DOP, Samuele Silvestri con il Montasio DOP, Andrea Valentinetti a cui toccherà il Piave DOP,Rocco Santon con il Valpadana DOP, Eleonora Andriolo con Asiago DOP. Christian fava con Casatella trevigiana DOP, e Alessandro Rossi che farà coppia con il Grana Padano DOP. In occasione del Caseus Veneti si cimenteranno nella preparazione di appetitose ricette che avranno come protagoniste le 7 DOP che promuovono l’iniziativa. Una manifestazione che, per le due giornate, riserverà anche degustazioni guidate di pizze con i 7 formaggi DOP in abbinamento ai vini del Consorzio Prosecco DOC, tenute dal campione del mondo Gianni Calaon e il campione Manuel Baraldo.

DIMOSTRAZIONI DAL VIVO | Una kermesse che ambisce ad avvicinare alla tradizione casearia veneta tutti i visitatori, anche attraverso la realizzazione “in diretta” dei formaggi DOP. A rotazione durante le due giornate, 7 maestri casari daranno risposta alla curiosità di grandi e piccini.
Altra novità dell’edizione 2018, domenica 30 alle ore 17:30, il Momento musicale dedicato alla Grande Guerra, condotto dal Maestro Alessandro Tortato e dal Mezzo Soprano Silvia Regazzo, i quali accompagneranno il pubblico in un percorso narrativo e musicale ispirato alla Grande Guerra con protagonisti i formaggi dei territori coinvolti dalle vicende belliche.

SOLIDARIETA’ | Da sempre molto impegnato nella solidarietà, anche per quest’anno Caseus Veneti si pone tra gli obiettivi quello realizzare varie iniziative benefiche. Tra queste, quella che farà da apripista alla manifestazione sarà la Cena solidale di giovedì 27 settembre presso l’Agriturismo La Penisola a Campo San Martino (PD).
Sabato e domenica, durante l’evento, sarà possibile invece acquistare i formaggi in concorso presso lo spazio dedicato alle Forme di Solidarietà, iniziativa a favore delle Onlus avente come testimonial Eleonora Daniele, Presidente di Life Inside Onlus.

 

Share

Comments are closed.