Saturday, 24 August 2019 - 20:40
direttore responsabile Roberto De Nart

Esplosione nel cantiere della Stazione ferroviaria di Belluno. Tre feriti, due gravi per le ustioni

Set 24th, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Belluno, 24 settembre 2018  – Tre operai sono rimasti feriti gravemente oggi pomeriggio, nel cantiere della Stazione ferroviaria di Belluno, a causa di un’esplosione avvenuta sul cofano motore di una macchina operatrice adibita a lavori ferroviari.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con tre squadre per la messa in sicurezza dell’area ed hanno prestato i primi soccorsi agli operai colpiti dall’esplosione. Il personale del Suem 118 viste le condizioni più gravi di due infortunati, ha provveduto al trasporto al Reparto grandi ustionati dell’Ospedale di Padova, mentre il terzo è stato ricoverato all’Ospedale San Martino di Belluno.

Il comandante dei vigili del fuoco Girolamo Bentivoglio Fiandra insieme con il funzionario di turno hanno coadiuvato i soccorsi fino alla messa in sicurezza dell’area interessata. La zona dell’esplosione è lontana diverse centinaia di metri dall’area passeggeri della stazione. Le cause che hanno innescato l’esplosione sono al vaglio dei tecnici dei vigili del fuoco Sul posto la polizia ferroviaria e una squadra della scientifica e personale dello Spisal.

Sul posto per un sopralluogo si è recato anche il sindaco di Belluno Jacopo Massaro.

Jacopo Massaro, sindaco di Belluno

«Ero in municipio, alla riunione di Giunta, quando abbiamo sentito un boato. – racconta Massaro – Dopo pochi minuti, ho ricevuto una telefonata e mi sono diretto subito sul posto con il Prefetto».
Tre i feriti in modo grave, che stavano operando nell’area dell’esplosione: «Stavano lavorando nella zona di fronte ai magazzini, quando c’è stato lo scoppio. Ancora non si sa da cosa possa essere stato originato, pare dal serbatoio di carburante di uno dei mezzi presenti nel cantiere», spiega Massaro. «Quando sono arrivato, erano già presenti il procuratore, polizia, carabinieri, vigili del fuoco e sanitari; toccherà a loro ricostruire la dinamica dell’incidente».
Da Massaro va la vicinanza della città di Belluno ai feriti e alle loro famiglie: «Non possiamo che essere loro vicini; in un momento così drammatico, la solidarietà va a chi è rimasto ferito e ai familiari che stanno vivendo momenti di dolore e di apprensione. Fatti del genere – conclude Massaro – riaccendono i riflettori sulla questione della sicurezza sul lavoro: se ne continua a parlare, ma concretamente si agisce poco, con molte norme e poca praticità, e così ancora oggi siamo qui a soffrire e a sperare per le sorti di tre lavoratori».

Share

Comments are closed.