13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 12, 2020
Home Cronaca/Politica Bando Periferie “salvo”. Massaro: "Soddisfatto, con cautela, per l'esito. Con oggi approvati...

Bando Periferie “salvo”. Massaro: “Soddisfatto, con cautela, per l’esito. Con oggi approvati tutti i progetti”

Jacopo Massaro

È arrivata nella tarda serata di martedì la mediazione che di fatto salva i fondi per il Bando Periferie: niente soluzione nel Milleproroghe, ma si attende un decreto apposta per il recupero di 800 milioni di euro per il finanziamento del progetto.

«Sono soddisfatto per l’esito dell’incontro, ottenuto grazie al grande impegno di noi sindaci e di ANCI, un risultato ottenuto grazie all’impegno trasversale dei primi cittadini di tutto il territorio nazionale. – commenta il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro – Certo è che è sconfortante e scoraggiante quanto abbiamo vissuto come comuni nell’ultimo mese, tra parlamentari impreparati, spiragli di dialogo seguiti da chiusure decise e un compromesso all’ultimo minuto».
Da parte del primo cittadino c’è comunque ancora grande cautela: «Non conosciamo né il contenuto né i tempi di questo decreto. – sottolinea Massaro – Si è parlato di 7-10 giorni, e speriamo possa essere così; bisogna però fare chiarezza sullo “spalmamento” dei fondi in tre anni per i comuni che ne avranno necessità. Che significa? Si finanzieranno tutti i progetti esecutivi, ci sarà una scala di priorità o che altro? Non possiamo cantare vittoria fino a quando non avremo il decreto in mano, nero su bianco».

Se venisse confermata l’intenzione di finanziare fin da subito i progetti già esecutivi, per il Comune di Belluno sarebbe un successo: «Nella seduta di questo pomeriggio approveremo gli ultimi due progetti esecutivi mancanti, quello relativo all’ex chiesa dei Gesuiti e quello della Mediateca delle Dolomiti a Palazzo Crepadona. – annuncia Massaro – I progetti saranno subito inviati alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, anche questa volta con alcuni giorni di anticipo rispetto alla scadenza dei termini».

«Ora non ci resta che attendere con ansia questo decreto che certifica lo “scongelamento” dei fondi. – conclude Massaro – Visto quanto accaduto nelle ultime settimane, chiediamo ai nostri parlamentari di vigilare affinché il documento rispetti le reali necessità dei comuni, da quelle economico-finanziarie alle tempistiche. L’Italia e gli italiani non possono più correre rischi o perdere tempo».

Share
- Advertisment -



Popolari

Quindicenne perde la vita sull’argine del Piave schiacciato tra i massi. Allarme per un ragazzino morso da una vipera

Belluno, 11 - 08 - 20 Attorno alle 16 la Centrale del 118 è stata allertata per un ragazzo 15enne rimasto incastrato tra due...

Anziano parte da Cremona per trovare l’amico di Belluno, ma a Ferrara si perde

Era partito qualche giorno fa dalla provincia di Cremona per ritrovarsi con un amico della provincia di Belluno. Domenica scorsa, non vedendolo arrivare è...

I proprietari del Nevegal in assemblea

Sabato 8 agosto 2020 si è tenuta presso la Sala comunale ex Hall del Complesso Le Torri del Nevegal la prima Assemblea dell’Associazione Proprietari...

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il...

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo...
Share