13.9 C
Belluno
giovedì, Agosto 13, 2020
Home Cronaca/Politica Boom di messaggi per finti regali di un Samsung S9. Ora il...

Boom di messaggi per finti regali di un Samsung S9. Ora il truffatore chiede anche il documento d’identità

Riprendono ancor con maggior vigore le truffe telematiche che attraverso messaggini ci propongono regali, quasi sempre gli ultimi prodotti tecnologici, come uno smartphone tipo Samsung S9. Questa volta il truffatore di turno si vuole semplificare il compito di avere tutti i nostri dati a disposizione e ci chiede di trasmettergli anche il nostro documento d’identità. Ed allora, vista anche la gran mole di segnalazioni ricevute dallo “Sportello dei Diritti” dopo la nostra denuncia del falso regalo del Samsung S9 di MediaWorld di venerdì scorso, è evidente che ancora troppi cittadini incappano in queste frodi: è bene ricordare che nessuno regala niente per niente e alcun operatore, catena di negozi o produttore, è pronto a donare beni di consumo al pubblico in cambio di nulla. Si tratta solo di truffe ben congegnate da malintenzionati che attraverso un invio massiccio di messaggi, spera di trovare il distratto di turno. A segnalare in particolare la frode di colui che chiede anche il documento d’identità è la Polizia Postale sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia” con il post con tanto di screenshot del messaggio truffaldino.

Il commento dell’autorità di pubblica sicurezza chiarisce tutto: «Cambia la forma ma la sostanza è sempre la stessa: una #TRUFFA. Attenzione: Nessuno vi regala niente. MAI dare i propri dati personali, a maggior ragione copia dei documenti d’identità.» Ancora una volta hacker e truffatori della rete cercano di approfittare della nostra ingenuità e della bramosia di possedere le ultime novità tecnologiche, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Ecco perché è utile seguire alcuni semplici consigli per evitare di subire furti d’identità, il prosciugamento del proprio conto corrente o l’utilizzo della nostra carta di credito:

• Non “cliccare” sul link proposto;

• Non fornire alcun dato personale o relativo alla propria carta di credito o conto bancario;

• Non dare mai una copia del nostro documento d’identità;

• Effettuare la scansione del dispositivo con un antivirus aggiornato.

Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Share
- Advertisment -



Popolari

Interventi di soccorso in montagna

Lorenzago di Cadore (BL), 12 - 08 - 20 Attorno alle 19 la Centrale del Suem è stata allertata da tre escursionisti, un ventenne...

Morto il pasticciere Roberto Garbuio, il cordoglio della presidente Scarzanella: «Se ne va un’istituzione della pasticceria feltrina e bellunese»

Nel primo pomeriggio di oggi è morto in un incidente stradale sulla statale della Valsugana Roberto Garbuio, già titolare con il fratello Carlo dell'omonima...

Frammenti d’arte in Valbelluna

Entra nel vivo “Frammenti d’Arte in Valbelluna”, ciclo di visite guidate gratuite alle chiesette della Sinistra Piave in Valbelluna promosse dall’Amministrazione Comunale di Mel...

Nubifragio. Problemi in via San Francesco, in Via Garibaldi e a Visome

Il nubifragio di ieri sera sul capoluogo ha provocato alcuni disagi in varie zone della città. In Via San Francesco si sono registrati alcuni allagamenti...
Share