Monday, 21 October 2019 - 05:35
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Un lungo weekend dedicato all’organo, nelle chiese della Val di Zoldo. Da venerdì 25 a domenica 27 agosto

Ago 19th, 2018 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Si conclude il fortunato Festival Arte e Musica tra Pelmo e Civetta. Concerti di musica antica in Val di Zoldo organizzato dal Circolo Culturale Bellunese, da Fondazione Cariverona e dall’Associazione Antiqua Vox. E si conclude con tre straordinari concerti d’organo, nelle chiese della Val di Zoldo. Ingresso libero.

Musica – di Carletto Cantoni

Venerdì 24 agosto, alle ore 20:45, l’organista Erich Traxler suona l’organo più antico del Veneto, custodito nella Chiesa Parrocchiale di Dont di Val di Zoldo (BL), seguendo un percorso musicale che parte dal Cinquecento veneziano per arrivare al Settecento.

Sabato 25 agosto, alle ore 20:45, nella Chiesa di S.Tiziano di Goima di Val di Zoldo (BL), Francesco Corti, nato ad Arezzo in una famiglia di musicisti, presenta un programma tutto settecentesco, sull’organo del 1780 del sacerdote veneziano Francesco Merlini, ricordato nell’Ottocento quale “facitore di organi e sonatore ordinario”.

Per finire, domenica 26 agosto, ore 20:45, a Pieve di Val di Zoldo (BL) nella Chiesa di S. Floriano, gli organisti Michel Bouvard e Yasuko Uyama-Bouvard presentano un programma europeo con i diversi linguaggi musicali francese, spagnolo, inglese, italiano e tedesco. Le musiche sono eseguite sull’ultimo strumento costruito dall’organaro Gaetano Callido, nel 1812.

Informazioni e note di sala sono consultabili sul sito www.belcircolo.org.

Arte e Musica tra Pelmo e Civetta. Concerti di musica antica in Val di Zoldo è una proposta culturale nata dalla collaborazione tra Circolo Culturale Bellunese, Fondazione Cariverona e Associazione Antiqua Vox, con il sostegno del Comune di Val di Zoldo ed il patrocinio della Diocesi di Belluno Feltre. Sotto la direzione artistica dei maestri Andrea Marcon e Paolo Da Col, il festival intende valorizzare luoghi e spazi di ascolto del patrimonio artistico e architettonico zoldano.

 

Share

Comments are closed.