Tuesday, 23 October 2018 - 08:15

Cremazione. Franco Roccon: “Urgente modificare il piano regolatore e regolamenti per l’identificazione di un sito”

Lug 13th, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Franco Roccon

Il consiglio comunale di Belluno ha votato all’unanimità l’ordine del giorno del 21 maggio scorso (testo a fondo pagina) a firma del consigliere Franco Roccon, relativo all’individuazione di un sito per la realizzazione di un impianto di cremazione.
“Il voto e le indicazioni riportate nell’ordine del giorno – dichiara Roccon – evidenziano la necessità d’intervenire urgentemente in questo fenomeno della cremazione umana che vede un aumento significativo di anno in anno con costi evidenti per le famiglie. Istituire un complesso crematorio in città vuole anche dire che non si investe più nelle infrastrutture cimiteriali nuove con conseguente riduzione dei costi nelle manutenzioni. L’assessore Busatta era formalmente contrario ad avviare una discussione ed un’approvazione stante i vincoli che il Prg comunale applica non avendo definito delle aree dedicate nel territorio in aderenza ai cimiteri. Così, invece di mettere mano al Prg e al regolamento cimiteriale si preferisce rinviare il problema, ben sapendo che con i vincoli su esposti anche le agenzie di pompe funebri che potrebbero avviare un iniziativa privatistica riducendo i costi dei funerali, a Belluno non la possono fare.
Ora – conclude Roccon – dopo l’approvazione in 5^ Commissione regionale dell’opportunità di avere un sito per la cremazione in provincia, diventa quanto mai urgente tornare alle indicazioni del consiglio comunale che richiama l’amministrazione di Belluno a presentare delle modifiche del caso al Prg e ai regolamenti, senza più alibi”.

 

ORDINE DEL GIORNO CORRELATO ad un argomento in discussione ai sensi dell’art. 35 del regolamento del consiglio comunale

OGGETTO : punto 6 ODG del 23 febbraio 2018 – Regolamento comunale di polizia mortuaria e dei servizi cimiteriali

Al sig. Presidente del Consiglio Comunale

il sottoscritto FRANCO ROCCON Consigliere Comunale di Civiltà Bellunese PRESENTA il seguente Ordine del Giorno

premesso,

che, in Italia, su 615.261 decessi, ben 141.553 feretri, pari al 23% (dati 2016), sono stati avviati alla cremazione in uno dei 70 impianti sparsi nel territorio nazionale;

che nei capoluoghi di provincia veneti, escluso Rovigo e Belluno, sono presenti uno o più inceneritori;

che sempre più soggetti residenti nel comune di Belluno indicano di voler seguire a fine vita la pratica della cremazione;

che tale fenomeno vede un incremento annuo significativo (mediamente 8-10%) il cui dato impone una seria valutazione anche per quanto concerne la politica della gestione del post mortem e dei costi generati dalle infrastrutture cimiteriali;

che tale pratica, ha dei notevoli costi per le famiglie (mediamente 700€ a servizio esclusi gli extra come trasporto, urna, etc.) a cui va aggiunta una lunga attesa per avere le ceneri dell’estinto stante la mole di lavoro dei siti autorizzati nel Veneto;

che, con l’avvento delle nuove tecnologie e lo snellimento delle procedure relative alla pratica della cremazione, è ora possibile stilare una valutazione tecnico-economica del rapporto costi/benefici molto precisa, finalizzata all’avvio di un progetto infrastrutturale idoneo al servizio di cremazione collocato all’interno di un sito cimiteriale del capoluogo e che possa eventualmente essere d’interesse anche per i comuni della provincia di Belluno e delle altre province limitrofe;

il Consiglio Comunale di Belluno

ritenendo fondate le argomentazioni di cui in premessa, da mandato alla Giunta Comunale di fare un’attenta valutazione tecnica ed economica per l’individuazione, anche in collaborazione con soggetti privati, di un sito cimiteriale idoneo per avviare un progetto di insediamento di un’infrastruttura pubblica per la cremazione.

Franco Roccon – Capogruppo di Civiltà Bellunese

Belluno, 21 maggio 2018

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.