Monday, 26 August 2019 - 11:47
direttore responsabile Roberto De Nart

Italo De Gol è il vincitore di Belunart 2018. Grande successo per la rassegna di scultura del legno che si è conclusa domenica sera a Farra.

Giu 26th, 2018 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Si è conclusa a Farra nel segno dell’ Unione, il tema di quest’anno, la sesta edizione del simposio di scultura bellunese itinerante Belunart, vinta dallo scultore Italo De Gol. L’evento, conclusosi domenica con una grande festa a Farra, ha registrato il pieno di pubblico e di gradimento. Il direttore artistico della manifestazione, Raul Barattin, ha espresso da parte sua grande soddisfazione per la riuscita di questa edizione. L’amministrazione comunale di Alpago aveva scelto il tema “L’unione” per simboleggiare l’avvenuta fusione fra i tre Comuni di Pieve, Farra e Puos. I nove artisti bellunesi hanno saputo cogliere nel segno, proponendo sculture di alto livello stilistico e catturando le emozioni del numeroso pubblico. Oltre mille sono state infatti le schede di voto raccolte dall’associazione Dolomiti Domani, coorganizzatrice dell’evento, che promuove attività artistico culturali nella provincia di Belluno. Italo De Gol, artista proveniente da Santa Giustina che ha rappresentato insieme a Luca Lisot la destra Piave, ha ottenuto il maggior numero di consensi con l’opera dal titolo “Unire non dividere”. In molti hanno apprezzato il messaggio lanciato dallo scultore “un messaggio di pace contro ogni forma di divisione e razzismo”, ha commentato la presidente dell’associazione, Luisa Alchini. Beppino Lorenzet, con l’opera “Uniti noi restiamo, divisi noi cadiamo”, ha voluto esprimere l’importanza della solidità della coppia nell’ambito famigliare. “L’unione” come incontro è stata rappresentata dal Maestro Mario Iral, nella “Sinergia” di Albino Mezzacasa” e nella “Forza” del giovanissimo Juri Pompanin . Luigi De Martin ha inteso l’unione come il mosaico della vita, mentre Sara Andrich ha realizzato l’unione romantica della coppia che Luca Lisot ha inteso rappresentare anche “Per un attimo”, La giovane rivelazione Alessio De Marco ha scolpito infine con sapienza una “spirale d’Unione”. Soddisfatto il sindaco Umberto Soccal, che ha ringraziato la macchina organizzativa coordinata dall’assessore Alberto Peterle. Le tre Pro Loco, con Alessio Bortoluzzi, hanno collaborato con Dolomiti Domani proponendo nel contempo altre attività artistico culturali per celebrare il nuovo patrono di Alpago, San Vigilio. Festeggiamenti che si concluderanno stasera. Il presidente della Provincia, Roberto Padrin, che nel ruolo di sindaco di Longarone nel 2014 ha condiviso la quarta edizione di Belunart, ha auspicato che il fortunato evento possa proseguire anche nei prossimi anni.

Share

Comments are closed.