Wednesday, 21 August 2019 - 02:30
direttore responsabile Roberto De Nart

Farra d’Alpago, l’archeologia di Pian de la Gnela e Staol illustrata agli alunni

Giu 15th, 2018 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Come da alcuni anni a questa parte, si è ripetuta, giovedì 31 maggio, per la quinta classe della scuola primaria di Farra l’esposizione di storia locale con visita alla zona della necropoli di Pian de la Gnela (VII-V sec. a.C.) a cura del Circolo Amici del Museo dell’Alpago.

Il presidente e il segretario Gianclaudio Da Re hanno illustrato, con immagini il grande patrimonio di corredi funerari e le varie fasi della ricerca archeologica condotta su 12/13 tombe a cremazione, insieme alle circostanze delle eccezionali scoperte uniche al mondo, dovute alla passione di volontari del sodalizio alpagoto, come la situla istoriata con la scena di parto. La lodevole iniziativa rientra nel piano annuale delle attività scolastiche 2017-2018. Da qualche anno, quindi da prima dell’unificazione dei tre comuni di: Farra, Puos e Pieve in un unico comune di Alpago, la civica amministrazione sostiene questa attività tesa a far conoscere la storia, l’ambiente della propria terra agli alunni che sono giunti al termine della prima fase scolastica. Dopo la parte in aula, seguita con grande attenzione e curiosità dai ragazzi si è raggiunta, con lo scuolabus del comune, il sito della necropoli posto ad oltre 900 metri di altitudine sulle pendici del Monte Dolada. Qui gli alunni, accompagnati dagli insegnanti Erica Belotti, Adriana Soccal e Manrico Rosati, hanno potuto osservare da vicino i due settori della necropoli e seguire le spiegazioni, delle varie fasi di indagine, del presidente del Circolo Amici del Museo.

Al termine è stata distribuita la merenda offerta dal comune e consumata nelle adiacenze della baita messa a disposizione dai signori De Col. Si è trattato di un basilare programma che dovrebbe costituire prassi consolidata della scuola primaria con l’obiettivo di far conoscere, anno dopo anno, le varie caratteristiche e potenzialità del territorio, a partire dalla storia antica che può presentare, come nel nostro caso, aspetti di grande rilevanza tali da saldarsi con quelli inseriti nei libri scolastici.

Eugenio Padovan

Share

Comments are closed.