Wednesday, 18 July 2018 - 20:41

Acc Mel. Donazzan: Massima fiducia nella giustizia di fronte a un immenso dissesto industriale, economico e sociale”

Mag 9th, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

Venezia, 9 maggio 2018  –  “Sento il dovere di ringraziare i lavoratori, i rappresentanti e i dirigenti sindacali dello stabilimento di Mel, insieme con i sindaci del territorio, il presidente della provincia di Belluno e i consiglieri regionali, che hanno tutti insieme testimoniato con la loro generosa presenza davanti al Tribunale di Pordenone la volontà della comunità bellunese di non accettare venissero occultate le responsabilità per un immenso dissesto (450 milioni di euro di “buco”) industriale, economico e occupazionale.

Sento anche il dovere di ringraziare la Procura Generale della Corte d’Appello di Trieste che è intervenuta nel procedimento con un atto significativo, che rassoda in tutti la fiducia nella giustizia e nei suoi delicati equilibri di funzionamento a garanzia di tutti, a cominciare dai più deboli. Esprimo il massimo rispetto dell’autonomia del GIP chiamato comunque a una decisione rilevante, e ho in quella decisione serena fiducia”.

A dichiararlo è l’assessore al lavoro della Regione del Veneto, Elena Donazzan, in una fase delicata della causa intentata dal Commissario Maurizio Castro contro la società Sekop per tutelare i brevetti e le prerogative dell’azienda ACC di Mel. Oggi davanti al Tribunale di Pordenone è stato messo in atto anche un presidio dei lavoratori e dei sindacati, con la presenza di amministratori locali e di alcuni consiglieri regionali del Veneto.

“In ogni caso – conclude l’assessore al lavoro – oggi, tra i fondi speculativi, americani e nostrani, che hanno spolpato quello che era un magnifico patrimonio della manifattura italiana desertificandolo e i lavoratori che per salvarla hanno per mesi rinunziato a metà del loro stipendio, hanno vinto i lavoratori: una bella giornata per loro, per la giustizia, per la buona politica”.

Share

Comments are closed.