Wednesday, 13 November 2019 - 07:03
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Prosecco. Azzalin (PD): “Inaccettabili altri 150mila per la candidatura Unesco. Vogliamo trasparenza su come vengono spesi i soldi pubblici”

Apr 26th, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Colline del Prosecco

Venezia, 26 aprile 2018  –  “Cosa c’entra con i Grandi eventi la candidatura delle Colline del Prosecco a patrimonio dell’Unesco? Nulla. Eppure a questa candidatura vengono destinati ben 150mila euro, il 10% dell’intero capitolo di spesa per i Grandi Eventi del 2018. Non si tratta di essere ‘contro il Veneto’, ma di chiedere e ottenere trasparenza su come vengono spesi i soldi pubblici. E Zaia ha il dovere di rispondere”.

La domanda è del consigliere del Partito Democratico Graziano Azzalin che torna sulla nuova delibera della Giunta regionale sulla promozione dei Grandi eventi, che approderà in Terza commissione la prossima settimana: la precedente aveva ricevuto parere negativo poiché non erano specificate le somme destinate ai singoli progetti, come invece prescritto dalla legge.

Graziano Azzalin

“Era una sorta di cambiale in bianco e per questo irricevibile, solo a distanza di quasi un mese sono arrivate le cifre. Ciò la dice lunga sulla trasparenza di determinati atti. Oltretutto il responso dell’Unesco ci sarà a giugno: i giochi, dunque sembrano fatti, a cosa servono altri 150mila euro dopo i tanti soldi già spesi nell’arco di dieci anni, sia dalle istituzioni (circa 500mila euro soltanto dalla Giunta) che dai privati? A saldare dei debiti pregressi? Sulla questione ho presentato un’interrogazione a risposta scritta, ancora senza risposta, riguardante la rendicontazione delle spese e il carteggio tra Regione Icomos Italia, chiedendo un accesso agli atti che mi è stato negato perché ‘rischierebbe di compromettere il buon esito del procedimento amministrativo’. Non possono però esserci zone d’ombra, perché non sono risorse personali di Zaia, ma di tutti i veneti, Quindi chiediamo al Presidente di venire in Commissione a darci una spiegazione esauriente della sua scelta”.

Share

Comments are closed.