13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 5, 2020
Home Prima Pagina Seminario sui disturbi del comportamento alimentare per operatori sanitari

Seminario sui disturbi del comportamento alimentare per operatori sanitari

Sabato 14 aprile, presso la sala riunioni dell’Ospedale San Martino di Belluno, si è tenuto il corso di formazione sui disturbi del comportamento alimentare, organizzato dall’Associazione Margherita Fenice in collaborazione col Centro Disturbi Alimentari di Belluno.
Il corso è stato tenuto dal dott. Pierandera Salvo, direttore del Centro Dca di Portogruaro ed era indirizzato a medici, infermieri e altri operatori sanitari dei servizi dell’adulto e della pediatria dell’Ulss1 Dolomiti.
Quaranta i posti messi a disposizione per il percorso accreditato ECM (4,3 crediti – Nordestnet Provider).

Dopo una breve introduzione della presidente dell’Associazione Margherita, Luisa Prade, i relatori hanno trattato le seguenti tematiche: i Dca nel territorio di competenza dell’ Ulss1Dolomiti (dott. Forti), i Dca nelle varie fasi di vita (dott. Salvo), i Dca in età evolutiva: specificità cliniche e modalità di intervento (dott. Salvo), la gestione a domicilio degli utenti con DCA sulla base delle attuali indicazioni nazionali (dott. Salvo).
I disturbi alimentari sono disturbi multifattoriali che, ad oggi, comprendono un raggruppamento diagnostico costituito da diverse patologie (di cui le più conosciute sono Anoressia e Bulimia).
Focus dell’attenzione è stato messo sull’esordio dei disturbi alimentari, che è sempre più precoce: l’età di insorgenza si è abbassata a 14-15 anni, con conseguenze che possono protrarsi per tutto l’arco di vita. A tal proposito, è fondamentale che i servizi si adeguino a questa evoluzione dei disturbi: il Centro di Portogruaro, ad esempio, è già riuscito a fornire un servizio di trattamento globale per minori con Dca.
La Regione Veneto, attualmente, ha tutto quello che richiedono le linee guida per i Dca: organizzazione della rete di cura e contesto di cura adeguati.
Il dott. Salvo ha ricordato, inoltre, che è molto importante fin dall’inizio il coinvolgimento della famiglia nelle cure, per rafforzare e mantenere i risultati ottenuti dal paziente in terapia. Anche formare una rete tra i servizi presenti sul territorio può risultare vincente, nel monitorare l’andamento dei casi e nell’identificarne di nuovi.

Valentina De Nart

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente alla cartiera di Santa Giustina: operaio ustionato da un getto d’acqua bollente

Incidente sul lavoro questa mattina all'interno dello stabilimento cartiere "Reno de Medici" di Santa Giustina. D.R. operaio 28enne residente a Santa Giustina, è stato...

Contributi ai comitati provinciali e consorzi pro loco del Veneto

Venezia, 4 giugno 2020  -  La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al turismo Federico Caner, ha approvato il bando 2020 per la...

Busta con polvere sospetta al sindaco di Treviso. De Carlo: “Solidarietà personale e di Fratelli d’Italia. Sindaci sempre in prima linea”

"Tutta la solidarietà, personale come cittadino e come sindaco, e di Fratelli d'Italia al Sindaco di Treviso Mario Conte, oggetto dell'ennesimo, patetico, tentativo di...

Fincantieri, subappalti e caporalato. Acerbo: sconcertante, 4 milioni all’amministratore delegato

E' con sconcerto e rabbia che abbiamo appreso una notizia contenuta nella relazione sul bilancio che verrà presentata il 9 giugno all'assemblea di Fincantieri:...
Share