Friday, 20 July 2018 - 20:32

18ma edizione di “Caccia, Pesca e Natura” a Longarone Fiere. Venerdì 13 aprile ore 14.30 l’apertura

Apr 6th, 2018 | By | Category: Appuntamenti, Eventi, sport, tempo libero, Prima Pagina

Palazzo Piloni sede della Provincia

Belluno, 6 aprile 2018 – Presentata questa mattina a Palazzo Piloni, sede della Provincia, la 18^ edizione di “Caccia, Pesca e Natura”, la Fiera nazionale di prodotti, attrezzature e servizi per la caccia e la pesca sportiva, che anche quest’anno si presenta come uno degli appuntamenti nazionali più seguiti dal mondo venatorio catalizzando l’attenzione delle aziende e degli appassionati di settore.

“L’esposizione si conferma di altissimo interesse – ha detto Giorgio Balzan, presidente di Longarone Fiere Dolomiti – grazie anche alla rinnovata collaborazione con il Consorzio Armaioli Italiani, con la rappresentanza delle rinomate aziende produttrici di fucili della Val Trompia, senza dimenticare espositori stranieri, con la proposta di prodotti, accessori e capi di abbigliamento tecnico in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza”.

“Caccia, Pesca e Natura – ha proseguito il presidente di Longarone fiere –  sarà inoltre caratterizzata per la grande attenzione dedicata agli aspetti storici e culturali che accomunano da sempre l’attività venatoria e l’ambiente naturale della montagna. Mostre naturalistiche e di collezionismo, quest’anno il 4. Raduno nazionale del collezionismo venatorio ittico faunistico, saranno come sempre abbinate agli spazi espositivi a carattere commerciale e promozionale: le realtà associative del mondo venatorio saranno poi come sempre presenti per far conoscere le loro attività.

Ma l’appuntamento con “Caccia Pesca e Natura” (oltre 14.000 sono stati i visitatori nell’edizione 2017) è diventato imperdibile per la grande “Festa del Cacciatore”: un evento nell’evento, che vede protagoniste Istituzioni, Associazioni di settore e i Distretti Venatori montani. Oltre alle premiazioni e la consegna attestati per l’attività svolta, nell’ambito della Festa del Cacciatore la fanno da padrone le numerose degustazioni di piatti tipici a base di selvaggina: sono proprio questi elementi a caratterizzare la manifestazione, un vero e proprio punto d’incontro fra cacciatori per stare insieme, scambiarsi esperienze di caccia in montagna e, perché no, organizzare le prossime uscite.

Numerosi e qualificati anche i tradizionali appuntamenti collaterali, che rendono la manifestazione ogni anno più attraente. Tra questi spicca la 16a edizione del Campionato Nazionale di Tassidermia, organizzato dall’Associazione Tassidermisti Italiani, che ha fatto del polo fieristico longaronese un punto di riferimento di levatura nazionale. Si ritroveranno a Longarone i migliori preparatori di tutta Italia, che daranno vita ad un’ampia esposizione alla quale saranno abbinati seminari di aggiornamento curati da esperti professionisti.

Si conferma di elevato interesse – ha concluso Balzan –  anche il settore della pesca sportiva, al quale viene riservata una specifica area espositiva nella quale saranno presenti aziende di settore e alcuni tra i più rappresentativi bacini di pesca della provincia di Belluno. Ai pescatori sportivi sono riservati anche due importanti appuntamenti outdoor: una gara di pesca alla trota Fario ed una gara a squadre a spinning”.

 

Un ricco programma anche per questa 18ma edizione di Caccia Pesca e Natura

Già da venerdì 13 aprile – la fiera apre alle 14.30 e per tutto il pomeriggio, fino alla chiusura delle 19.00, avremo:
Possibilità di tiro libero con la fionda grazie alla collaborazione con l’Associazione Cecchini del Cansiglio, possibilità che continuerà anche sabato, mentre domenica per tutta la giornata ci sarà la gara di tiro con le due categorie, adulti e giovani.
E prove di tiro al bersaglio con carabina ad aria compressa – con ben 5 linee di tiro attive grazie all’Associazione Sportiva Cacciatori Bellunesi della Val Piave. Anche qui il poligono sarà attivo per tutta la manifestazione.

Inoltre alle 15.00 ci sarà l’inaugurazione della Mostra dei Trofei e della XXIII Festa del Cacciatore – ad approfondire l’intervento poi di Raffaele Riposi, Coordinatore della XXIII Festa del Cacciatore per i Distretti venatori.

Venerdì apre anche uno degli eventi in assoluto più importanti della fiera, il 16° Concorso Nazionale di Tassidermia, ma a parlarcene sarà poi lo stesso Presidente dell’ATI, Iginio Bressan.

Mentre sabato 14 l’apertura come di consueto sarà alle 9.00, anche se già dalle 8.30 i pescatori si ritroveranno sulla Piave per la consueta gara di pesca alla trota fario organizzata dal Bacino di Pesca n. 6 Maè – Piave. Lo stesso bacino organizza anche il raduno di domenica mattina di pesca a Spinning a squadre. Per ciascuna le premiazioni si terranno alle 14.00 in fiera presso il loro stand, nella stessa giornata di gara.
Sempre sabato, per tutta la giornata, anche il consueto raduno dei cani Drahthaar Triveneto a cura del Club Italiano Drahthaar.

La cerimonia di inaugurazione invece si terrà alle 12.00 alla presenza dell’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Veneto, Giuseppe Pan. Alle 12 perché la mattina, dalle 9.00 alle 12 appunto, in centro congressi, avremo il convegno dal titolo “Il ritorno del lupo sulle Alpi orientali: un mondo che cambia?”, organizzato dall’Amministrazione Provinciale di Belluno in collaborazione con il CAI – Gruppo grandi predatori. Un convegno di assoluto interesse e livello altissimo per gli interventi previsti. Su questo poi la parola andrà a Franco De Bon, Consigliere provinciale con delega alla Caccia e alla Pesca, che oggi qui rappresenta anche il Presidente della Provincia, Roberto Padrin, assente giustificato, e agli altri interessati sul tema quali Paolo Doglioni, Presidente Confcommercio Belluno, Davide Berton, Referente Gruppo Grandi Carnivori C.A.I. e Michele Merella di Coldiretti per il mondo agricolo.

Confermata anche la partecipazione della Federazione dei Bacini di Pesca delle Dolomiti bellunesi, qui rappresentata dal Presidente Filippo Sitran, che nel pomeriggio organizza il convegno “Tecnologia in Autonomia”, inoltre diverse le attività con cui animeranno lo stand in fiera.

Una novità per domenica 15 nel padiglione D, grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Libera Caccia, che porterà il progetto “Addestrare: collaborare non sottomettere” con consulenze gratuite ai cacciatori per la preparazione dei cani all’attività venatoria con Marco Martini. Inoltre per l’intera giornata saranno a disposizione per consulenze gratuite anche la biologa e cercatrice di tartufi, Nicoletta Conte, a disposizione per provare il lavoro di cerca del tartufo e un educatore cinofilo Dog Center del Lago per valutazioni, consigli ed attività di ricerca olfattiva aperta a cani e persone di ogni età.

 

Lo stand della Federazione dei Bacini di Pesca della Provincia di Belluno, quest’anno rappresenterà i 9 bacini che hanno aderito al progetto:
– Bacino 2 Ansiei e Misurina
– Bacino 3 Valle del Boite
– Bacino 4 Centro Cadore
– Bacino 5 Agordino
– Bacino 7 Alpago
– Bacino 9 “La Marmorata”
– Bacino 10 Acque Feltrine
– Bacino 11 Cismon
– Bacino 12 Lago del Corlo

Nel corso delle giornate di Fiera – spiega Filippo Sitran della Federazione Bacini di Pesca della Provincia di Belluno – verranno illustrate tutte le attività svolte dalla Federazione a favore dei Bacini.
Oltre all’attività promozionale di ciascun territorio, verranno illustrate le attività di riproduzione di pesce autoctono, le attività di formazione per gli addetti e per la vigilanza, le attività di promozione presso le scuole con il progetto “Una montagna di pesce”.
Particolare rilievo verrà dato alle innovazioni tecnologiche fornite ai Bacini di pesca e agli utenti.
Verrà presentata la APP “sentinelle della Piave”, uno strumento dedicato agli addetti ai lavori per migliorare il monitoraggio ambientale del territorio e fornire un supporto fattivo e continuativo agli organi pubblici di vigilanza.
Presso lo stand sarà possibile vedere poi in anteprima le nuove applicazioni per l’acquisto on line dei permessi di pesca, che consentirà agli utenti, in particolar modo a chi viene da fuori provincia, di poter approcciarsi in modo semplice, veloce e intuitivo alla attività di pesca nei nostri Bacini.

 

Share

Comments are closed.