13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 28, 2020
Home Prima Pagina Vinitaly. Il debutto di due nuove etichette di PuntoZero: Tai Rosso e...

Vinitaly. Il debutto di due nuove etichette di PuntoZero: Tai Rosso e Carmenere da vitigni tipici dei Colli Berici

 

Due nuove etichette in arrivo per PuntoZero la dinamica realtà dei Colli Berici condotta dalla famiglia de’ Besi. Dopo le cinque referenze con cui si è fatta conoscere attraverso i vitigni internazionali negli ultimi due anni, debuttano sul mercato due monovarietali da vitigni tipici dell’areale dei Colli Berici. Si tratta di un Tai Rosso e un Carmenere in purezza, coltivati nei vigneti di proprietà sulle colline che circondano Lonigo (Vicenza). Saranno presentati a Vinitaly, dove PuntoZero è presente allo spazio Fivi – Padiglione 8 – stand E8/E9 – banco 8.
Il Tai Rosso è il vitigno autoctono dei Colli Berici, portabandiera del territorio e coltivato da secoli su queste colline dopo essere arrivato probabilmente dal sud della Francia. A testimoniarlo la stretta parentela con il vitigno Grenache, coltivato nella valle del Rodano e diffuso in varie parti del mondo.
PuntoZero ne fornisce un’interpretazione assolutamente originale e unica. Viene proposto nell’annata 2016, prodotto da vigneti con una media di 10 anni di età e una resa di appena 60 quintali/ettaro. Si presenta di colore rosso rubino brillante con riflessi violacei, al naso esprime note di spezie e frutti piccoli come mora, mirtillo, ribes nero e lampone. Giovane e di buona acidità, in bocca è avvolgente, caldo, equilibrato e persistente nel finale.
“Il risultato che noi abbiamo cercato di condurre alla bottiglia – commenta Marcella Toffano de’ Besi – ricerca l’equilibrio tra eleganza e leggerezza, con note che ricordano in primis i petali di rosa nelle sue diverse sfumature di rosso, ciliegia e pesca”.
Non si può dire propriamente autoctono, ma è ugualmente tipico dei Colli Berici il Carmenere. A lungo confuso con il Cabernet Franc, oggi è oggetto di una profonda rivalutazione che ha fat to comprendere come la nota marcatamente vegetale (indicata solitamente con i descritttori di cimice o peperone verde) possa esprimere carattere e tipicità. L’interpretazione di PuntoZero è quella di un vino intrigante, in cui ogni elemento si esprime con pulizia e determinazione. Dal colore rosso rubino con cromature viola, al naso esprime note di viola, rosa e vinacce, ribes nero e mirtillo. In bocca è asciutto, tannico con buon supporto acido. Conferma note di frutti selvatici ed erbe perenni. Risulta ampio e persistente nel finale.
Le due nuove referenze completano la gamma di vini che vede un bianco (da uve Pinot Bianco) e quattro vini rossi (Cabernet Sauvignon, il taglio Dimezzo, Merlot e Sirah) con cui PuntoZero si sta facendo apprezzare in Italia e sui mercati esteri contribuendo a dare luce al proprio territorio di provenienza, quello della DOC Colli Berici.

Share
- Advertisment -

Popolari

Confcommercio. Soddisfazione per le misure di sostegno delle attività commerciali approvate dal Comune di Feltre

La Consulta Confcommercio della città di Feltre ha appreso con soddisfazione che nell’ultimo Consiglio comunale di maggio sono stati approvati importanti aiuti per le...

Next Generation Ue. Dorfmann: “15 miliardi per lo sviluppo rurale”

Si chiama “Next Generation EU” il pacchetto da 750 miliardi di euro presentato dalla Commissione Europea per sostenere la ripartenza degli Stati membri dopo...

Donne impresa guarda al post covid. Martina Gennari: “Sono le donne a pagare i costi della pandemia”

La conciliazione casa-lavoro è da sempre un tema fondamentale per gli artigiani, che spesso non riescono a distinguere tra vita domestica e vita lavorativa....

Danza. Donazzan: “Settore penalizzato nella ripresa. Presto linee guida per scuole e spettacoli”

Venezia, 27 maggio 2020  -  “Le scuole di ballo e la danza sportiva, disciplina molto seguita e diffusa nel mondo e che genera turismo...
Share