13.9 C
Belluno
domenica, Luglio 12, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Agrimont, D'Incà (M5S): “Tradizione e futuro, i giovani che investono in agricoltura...

Agrimont, D’Incà (M5S): “Tradizione e futuro, i giovani che investono in agricoltura devono essere una risorsa per il territorio”

Longarone, 17.03.2018  –  È iniziato oggi Agrimont, l’appuntamento fieristico dedicato all’agricoltura di montagna che ogni anno si tiene nella Fiera di Longarone. Federico D’Incà, parlamentare del Movimento 5 Stelle, ha visitato la fiera per incontrare le realtà produttive e i prodotti del settore primario in montagna.

“L’agricoltura di montagna deve poggiare su tre pilastri fondamentali – spiega D’Incà – Il primo è considerare un’azienda strategica per il nostro territorio ogni giovane imprenditore che decide di iniziare un’attività agricola in montagna. Strategica sia per quanto riguarda il comparto primario, i prodotti e la tradizione bellunese, sia soprattutto per la possibilità attraverso l’agricoltura di avere un’offerta turistica importante all’interno delle nostre vallate, come avviene nell’Alto Adige”.

Inoltre i giovani che decidono di investire nell’agricoltura, avviando la propria impresa nel bellunese, devono essere visti come un’importante risorsa per combattere lo spopolamento delle montagne: “La presenza di giovani imprenditori nell’agricoltura di montagna è un’occasione fondamentale – sottolinea il parlamentare – per coniugare la nostra tradizione millenaria nel settore, rappresentata ad esempio dall’arte casearia del Comelico, con il futuro che prevede lo sviluppo di nuove tecnologie come ad esempio l’impiego di droni per un’agricoltura 2.0”.

“Il secondo punto importante presuppone una visione strategica del territorio per dare vita ad un distretto biologico bellunese – ricorda D’Incà – che parta dall’esempio del Comelico per sviluppare la capacità di poter aver sempre di più aziende del comparto biologico e quindi con alta redditività all’interno delle nostre vallate”.

“Come terzo pilastro fondamentale per un’agricoltura di montagna – conclude il deputato pentastellato – è necessario riuscire ad avere un marchio ombrello che contenga la parola Dolomiti in grado così di richiamare a quell’importantissimo marchio ormai riconosciuto in tutto il mondo di cui si parla anche all’interno della dicitura di Olimpiadi delle Dolomiti per la competizione olimpionica del 2026, che permetta il riconoscimento e l’unione delle tre province delle Dolomiti. Un marchio ombrello nell’agricoltura significa sottolineare la provenienza del prodotto all’interno di un distretto biologico bellunese, garanzia di genuinità, tradizione e cultura millenaria per il consumatore”.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Apertura Pian Longhi. Bortoluzzi e Vendraminit: «Grande opportunità di rilancio; il Nevegal è importante per tutta la provincia»

«Il Nevegal ha enormi potenzialità turistiche e il riavvio della struttura di Pian Longhi rappresenta una grande opportunità per il rilancio del Colle. Auguriamo...

Lettera del 12enne che non voleva fare la fila. E la replica del gestore del rifugio

Egregio Signor Direttore di Belluno Press - Quotidiano on-line Sono un ragazzo di 12 anni, vicentino, venuto qui in vacanza per qualche tempo e vorrei segnalarLe cosa...

Incidente mortale a Cibiana di Cadore. Altri interventi del Soccorso alpino

Cibiana di Cadore (BL), 10 - 07 - 20   Attorno alle 21 la Centrale del 118 è stata allertata da un passante che, imbattutosi...

Dai vigneti alla tavola una storia che nasce in Veneto, passa dalla Toscana e torna tra le montagne bellunesi, a Val di Zoldo, alla...

  "Abbiamo racchiuso l'emozione e l'ebbrezza di un buon vino e di un buon piatto, la gioia di ritrovarli insieme e condividerli in un abbinamento...
Share