Wednesday, 21 August 2019 - 02:28
direttore responsabile Roberto De Nart

Inaugarata Ri-Costruire 3.0 a Longarone fiere

Feb 17th, 2018 | By | Category: Lavoro, Economia, Turismo, Riflettore, Sport, tempo libero

Longarone, 17 febbraio 2017  –  “Un’edizione speciale di Ri-Costruire. Dopo anni di difficoltà, soprattutto nel settore dell’edilizia, il settore che più di tutti ha pagato la crisi del nostro Paese, oggi presenziamo ad una manifestazione che è cresciuta, in una veste migliore rispetto agli ultimi anni, grazie alle tante aziende che continuano a credere in noi”. A dirlo il Presidente della Provincia di Belluno e Sindaco di Longarone, Roberto Padrin questa mattina all’inaugurazione della 13a edizione di Ri-Costruire 3.0, il salone dell’edilizia, del risparmio energetico e della sicurezza.
“La Camera di Commercio è sicuramente – a detta della sua Vicepresidente, Paola Ricci – una convinta sostenitrice degli scambi ed è altrettanto convinta che la formula di quest’anno di Ri-Costruire sia assolutamente valida e foriera sia di affari che di ricadute sul territorio”.
Anche per Giorgio Bosa, Vicepresidente di Longarone Fiere Dolomiti, il momento è particolare e camminando per le corsie si respira un fermento ottimista che di certo aiuta, anche grazie ai bonus nuovi e riconfermati dalla legge di bilancio 2018 oltre che alle offerte riservate in esclusiva ai visitatori dagli espositori di Ri-Costruire 3.0”.
Mentre Massimo Sposato, Presidente di Appia CNA Belluno, afferma che “la ripresa è abbastanza evidente rispetto al 2017, anche in fiera”, ma non manca di lanciare un appello alle forze politiche, perché ritiene “necessari degli interventi a misura delle micro e piccole imprese, che rappresentano il 99,4% dell’imprenditoria italiana e che contribuiscono con il 66,6% per l’occupazione”, inoltre ci tiene a sottolineare come non ci sia ancora “una sufficiente consapevolezza degli effetti che la ritardata digitalizzazione comporterà per le aziende in termini di competitività e presenza sul territorio e sul mercato globale, indipendentemente dalle loro dimensioni”.
Conferma Gino D’Incà, Vicepresidente di Confartigianato Imprese Belluno, che “ci sono dei timidi segnali di ripresa, ma la chiusura di alcune aziende della nostra provincia ci fa sicuramente riflettere e pensare ad un nuovo modello di edilizia attraverso il confronto, lo scambio di idee e una capacita di innovare da cui non possiamo più prescindere”. Meno ottimista invece Giuseppe Fagherazzi, Presidente della Cassa Edile di Belluno, che ritiene la crisi ancora ad uno stato importante ed è fondamentale che “facciamo squadra in modo che anche i lavori che porterà Cortina 2021 possano essere un’occasione per le imprese di lavorare nel territorio e di dimostrare che le nostre maestranze non sono seconde a nessuno”.
L’inaugurazione si è conclusa con la consegna del 4. Premio Ri-Costruire 3.0 a cui hanno partecipato numerose aziende, tra cui le vincitrici: nella la categoria Green la ditta Darwin di Farenzena Claudio, per “proporre soluzioni che impiegano materie prime biologiche con soluzioni eco-compatibili e attente alla sostenibilità, recuperando e valorizzando al meglio anche prodotti di scarto di altre lavorazioni”, nella categoria Start Up la ditta Alpago No Dig di Dei Svaldi Claudio, per “aver saputo adattare una tecnologia allo stato dell’arte in sistemi di grandi dimensioni proponendola su larga scala offrendosi quindi in modo vantaggioso e competitivo” e nella categoria Marketing la ditta Sunlife Group – Lazzari S.a.s. di Lazzari Giovanni per “aver realizzato una campagna basata su un mezzo in grado di coinvolgere attivamente il cliente e allo stesso tempo in grado facilmente di creare le occasioni di avvicinamento, sponsorizzandolo anche attraverso un evento sportivo di assoluto rilievo”. Sempre nella categoria Marketing, anche una menzione speciale da parte della Giuria al C.F.S. – Centro per la Formazione e la Sicurezza di Belluno per “la realizzazione di una campagna basata su immagini in movimento capaci di catturare l’attenzione dei giovani e facendo parlare dei giovani direttamente ai loro coetanei”.

Share

Comments are closed.