Wednesday, 21 August 2019 - 04:42
direttore responsabile Roberto De Nart

Elettrificazione. Ieri a Ponte nelle Alpi l’incontro con De Menech. Circa 120 presenti

Feb 3rd, 2018 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Roger De Menech, deputato Pd

Belluno, 3 Febbraio 2018  –  «I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e di Enel stanno facendo in questi giorni i sopralluoghi per la redazione dei progetti della sottostazione indispensabile all’elettrificazione delle linee ferroviarie bellunesi». Lo ha riferito ieri sera il sindaco di Ponte nelle Alpi, Paolo Vendramini, nel corso della riunione di rendiconto organizzata nella sala biblioteca del Comune dal deputato bellunese Roger De Menech.

L’incontro, a cui hanno partecipato circa 120 persone, è servito per fare il punto sui principali progetti che interessano il territorio pontalpino, di Soverzene e di Ponte nelle Alpi. Molti i cittadini intervenuti anche da questi comuni, tra cui il sindaco di Soverzene, Gianni Burigo.

«I temi che affrontiamo», ha ricordato De Menech, «riguardano sempre l’intera comunità e anche in futuro, sarà la condivisione, più che la parcellizzazione in compartimenti stagni, a permetterci di raggiungere gli obiettivi che ci poniamo». Un processo, ha ricordato il deputato, «che è già stato avviato nella gestione del Fondo Comuni Confinanti, con decine di sindaci e di amministratori che, quasi ovunque, riescono a mettere insieme risorse e idee tralasciando gelosie, personalismi e visioni campanilistiche. Grazie a questa maturazione dei nostri amministratori in Provincia siamo cresciuti, ma non ci possiamo fermare».

CI sono, infatti, ancora diverse questioni aperte: l’espansione di alcune aziende nella zona industriale di Longarone, per esempio, dove presto dovranno confluire giornalmente dai 600 agli 800 nuovi lavoratori, chiamerà gli amministratori a scegliere se e come collegare l’area attraverso una bretella con l’autostrada. Anche sul futuro della ferrovia ci sarà da lavorare. «Abbiamo ottenuto il finanziamento dell’elettrificazione nella parte bassa», ha ricordato De Menech, «e i lavori cominceranno presto. Il nostro obiettivo rimane l’elettrificazione di tutta la linea, anche nel tratto da Ponte nelle Alpi a Calalzo, perché altrimenti il rischio che a qualcuno venga in mente di chiuderla non è così remoto. E poi dobbiamo lavorare per l’anello delle Dolomiti, collegando la ferrovia a nord con la Val Pusteria e a ovest con la Valsugana. Sono obiettivi ambiziosi, me ne rendo conto e so che non ce li regalerà nessuno. Però il Fondo Comuni Confinanti ha destinato 400 mila euro per progettare i due collegamenti e speriamo che la Regione Veneto riesca a fare i progetti nel più breve tempo possibile. Il nuovo governo dovrà sentire il fiato sul collo dei bellunesi su questo tema. Potremo esercitare le giuste pressioni se tutti, amministratori, categorie, sindacati, cittadini, rimarremo fermi e uniti, condividendo priorità e idee».

Share

Comments are closed.