Friday, 21 September 2018 - 20:12

Auronzo di Cadore è il primo comune veneto ad aver esposto il cartello Unesco

Dic 25th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro Economia Turismo, Riflettore

 

Il sindaco di Auronzo Tatiana Pais Becher con a fianco il cartellone Unesco

Da qualche giorno Auronzo di Cadore può vantarsi di essere il primo Comune del Veneto, il secondo delle Dolomiti Patrimonio Unesco, ad avere installato il cartello “Dolomites – Unesco World Heritage” sotto al segnale stradale che indica la località: 2 cartelli sono stati installati ad Auronzo (diga Santa Caterina e fine centro abitato-Ligonto) e 2 a Misurina.

Un progetto questo che sta molto a cuore al sindaco Tatiana Pais Becher che, fin dalle settimane successive alla sua elezione, non appena ricevuta la comunicazione con cui la Fondazione Dolomiti Unesco annunciava ai Comuni la possibilità di installare il cartello, ha tartassato l’ufficio tecnico e i tecnici comunali affinché individuassero il luogo più adatto per posizionarli e ha compiuto personalmente un sopralluogo con il responsabile dell’Ufficio tecnico ingegner Tommaso Piovesana. La Pais Becher aveva frequentato lo scorso anno il corso per amministratori e opinion leader organizzato dalla Rete della Formazione e della Ricerca Scientifica della Fondazione Dolomiti UNESCO, in collaborazione con la Trentino School of Management, il Muse e Step.

Giovedì scorso a Longarone il presidente della Provincia Roberto Padrin ha aperto l’incontro del Collegio dei Soci sostenitori della Fondazione Dolomiti Unesco, alla presenza del direttore Marcella Morandini e del Presidente Mariagrazia Santoro, con un discorso dove annunciava l’installazione del cartello ad Auronzo di Cadore evidenziandone l’importanza. La stessa Marcella Morandini l’ha presentato con alcune fotografie ai soci presenti, invitando il sindaco Pais Becher ad intervenire per spiegare il significato di tale opera:

“Sono molto orgogliosa di essere il primo Comune del Veneto ad averli installati e credo che anche un semplice cartello possa assumere una valenza particolare: innanzitutto un cartello è un biglietto da visita ed ha l’obiettivo di creare consapevolezza di trovarsi in un territorio Patrimonio Dell’Umanità, per tutti coloro che metteranno piede in Val D’Ansiei ma anche per coloro che ci vivono 365 giorni all’anno ai quali ogni tanto va ravvivata la memoria; inoltre un cartello può contribuire a creare un maggiore senso di responsabilità, per i turisti che si sentiranno invogliati a mantenere un atteggiamento più consono e rispettoso dell’ambiente in cui si trovano e per i residenti, per accrescere in loro il sentimento di orgoglio e la consapevolezza dell’unicità paesaggistica di questo Bene Unesco che va mantenuto integro per le generazioni future, affinché esse si facciano preziosi custodi di questa inestimabile Bellezza”

Il cartello verrà presentato ufficialmente durante la puntata della trasmissione di Rai1 “Linea Bianca”, in onda il 6 gennaio, e inaugurato a gennaio alla presenza dell’Assessore al Turismo della Regione Veneto Federico Caner, del Presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin, del direttore della Fondazione Dolomiti UNESCO Marcella Morandini e di alcuni testimonial Dolomitici come il giornalista e video maker Giovanni Carraro e l’alpinista Fausto De Stefani.

Share

Comments are closed.