Wednesday, 12 December 2018 - 23:00

Lupo. A Tambre e in Col Visentin arrivano i pastori maremmani della Regione. Pan: “Già 13 cani da guardiania in servizio. E 138mila euro di indennizzi agli allevatori”

Dic 14th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Meteo, natura, ambiente, animali, Prima Pagina

Pastore maremmano abruzzese

Venezia, 14 dicembre 2017  –  Otto cani da guardianìa di razza Pastore maremmano-abruzzese, provenienti da un allevamento specializzato di Acquapendente (Viterbo), aiuteranno gli allevatori dell’Alpago, della Lessinia, di Col Visentin e delle Prealpi bellunesi a difendersi dagli attacchi dei lupi. La Regione Veneto, con i fondi del progetto Life Wolfalps, ha provveduto all’acquisto di quattro coppie di maremmani-abruzzesi (con un impegno di spesa di circa 9 mila euro) che vengono ad aggiungersi ai 5 già consegnati nei mesi precedenti.

La prima coppia dei pastori maremmani viene consegnata oggi a Tambre di Alpago, ad un allevamento ovi-caprino. Nei giorni successivi una coppia sarà consegnata ad un allevatore della zona di Col Visentin, e un’altra andrà ad un pastore di Montebelluna che d’estate porta le proprie greggi al pascolo nel Bellunese. Infine, la quarta coppia andrà ad un allevatore di Crespadoro, nella Lessinia vicentina.

“Salgono così a 13 i cani specializzati nella protezione delle greggi e degli armenti acquistati con i fondi del progetto europeo – sottolinea l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan – Aiuteranno gli allevatori a proteggere gregge e bestiame dagli assunti dei sei branchi attualmente rilevati in Veneto, per un totale di 38 esemplari censiti. L’impiego dei pastori-maremmani appositamente addestrati, insieme al corretto posizionamento dei recinti elettrificati forniti dalla Regione grazie ai fondi di Life Wolfalps, si confermano strumenti efficaci per prevenire le predazioni dei lupi e consentire la regolare attività di pascolo in quota”.

Giuseppe Pan

“Fermo restando il nostro impegno per ottenere un adeguamento delle normative comunitarie all’evoluzione della presenza del lupo nelle aree montane tradizionalmente vocate all’agricoltura e all’allevamento – ribadisce Pan – la Regione continua intanto a investire in maniera significativa in prevenzione e negli indennizzi agli allevatori colpiti: solo nel 2017 abbiamo pagato 137.529 euro di risarcimento agli allevamenti di montagna vittime delle predazioni del grande carnivoro. Per ora prevenzione e indennizzi sono gli unici strumenti possibili per gestire la presenza del lupo sulle nostre montagne. Mi auguro che l’azione di pressing intrapresa nei confronti degli organismi comunitari e il recente orientamento assunto dal parlamento europeo possano portare a nuove direttive che consentano di impostare un diverso piano di gestione nazionale e di validare possibili iniziative di contenimento da parte delle singole regioni”.

Share

Comments are closed.