Wednesday, 18 July 2018 - 22:11

Concorso di progettazione del piazzale della stazione. Venerdì la premiazione all’Istituto tecnico industriale di Belluno

Dic 13th, 2017 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina, Società, Istituzioni

Itis “G.Segato” di Belluno

Si terrà venerdì 15 dicembre, con inizio alle ore 11.00, la cerimonia di premiazione del progetto vincitore del concorso di progettazione del piazzale della stazione di Belluno. Ad ospitare l’evento sarà l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “Segato – Brustolon” (accesso dall’ingresso principale di Via Tasso).
Dopo l’introduzione dell’assessore alla rigenerazione urbana, Franco Frison, e i saluti del Sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, e del Presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, toccherà a Francesca Bogo, presidente della Fondazione Architettura Belluno Dolomiti, approfondire l’istituto del concorso di progettazione. Daniele Pini, presidente della giuria, illustrerà gli obbiettivi del concorso e le motivazioni del premio.
Spazio poi ai rappresentanti dello studio “Colombo / Molteni Larchs architettura” che presenteranno in maniera approfondita le caratteristiche e le peculiarità del progetto vincitore; a seguire, si terrà la premiazione dei cinque elaborati arrivati alla fase finale del concorso.
Alle 12.15 avrà inizio la tavola rotonda sul tema “Strategie, sinergie, investimenti oltre il piano delle periferie”: i relatori saranno Diego Capoano, di Centostazioni – Gruppo Ferrovie dello Stato; Natalia Ranza, amministratore delegato di Dolomiti Bus s.p.a.; Fabiola de Battista, Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Belluno; Elisa De Berti, assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti; Roger De Menech, Presidente del Comitato Paritetico per il Fondo Comuni Confinanti.
Vista l’importanza del progetto per la città di Belluno e dei temi legati allo sviluppo del territorio, la cerimonia di premiazione e la tavola rotonda sono naturalmente aperte alla cittadinanza.

Share

Comments are closed.