Tuesday, 24 April 2018 - 18:27

Salute donna: 35 bollini rosa agli ospedali veneti. Due bollini al “San Martino” di Belluno e al “Santa Maria del Prato” di Feltre

Dic 5th, 2017 | By | Category: Prima Pagina, Sanità

Luca Coletto, assessore regionale

Venezia, 5 dicembre 2017  –  “35 ospedali veneti premiati con il bollino rosa, dopo i 23 del 2013 e i 26 del 2015, sono un motivo d’orgoglio, ma anche il segno tangibile di un progresso costante, una fantastica crescita progressiva, ottenuti grazie alla programmazione sanitaria che ha messo la donna e le sue particolari esigenze al centro delle politiche di salute”.

Con queste parole, l’Assessore alla Sanità della Regione del Veneto Luca Coletto esprime la sua soddisfazione per l’esito del bando dell’Osservatorio per la Salute della Donna – ONDA, che ha assegnato bollini rosa di “qualità” a 35 ospedali veneti per il biennio 2018-2019.

Due bollini rosa ciascuno anche al Presidio Ospedaliero S. Martino di Belluno e all’Ospedale Santa Maria del Prato di Feltre.

“Questi ospedali d’eccellenza anche al femminile – aggiunge Coletto – non solo sono tanti, ma sono anche suddivisi in tutte le province venete, il che dimostra come la qualità delle cure e l’attenzione alle donne sia diffusa su tutto il territorio e non solo nei grandi centri”.

“Sono anni – prosegue Coletto – che lavoriamo e investiamo sulla salute della donna e i risultati stanno arrivando. E’ un segnale di civiltà e rispetto, oltre che di eccellenza sanitaria, perché si parte da piccole ma significative attenzioni come i parcheggi rosa riservati alle partorienti, per arrivare agli aspetti clinici più importanti, come la lotta al tumore del seno e dell’utero con gli screening, con le Breast Unit per la cura delle neoplasie mammarie, con la particolare attenzione anche alla ricostruzione post chirurgica a seguito di mastectomia e ai gravi aspetti psicologici che ne derivano”.

“La menzione speciale a Borgo Roma di Verona per la cardiologia – conclude l’Assessore – dimostra inoltre come l’attenzione alla salute delle donne sia davvero a 360 gradi e non si fermi solo alle patologie tipiche dell’universo femminile”.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.