Saturday, 18 November 2017 - 02:35

False dichiarazioni, omessa custodia di una Chevrolet sotto sequestro. L’indagine della Polstrada si conclude con una condanna a 7 mesi di un automobilista

Nov 13th, 2017 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Il Tribunale di Treviso ha condannato D. G. V. alla pena di mesi sette di reclusione ed alla multa di € 150, più il pagamento delle spese processuali.

La vicenda ha origine nel novembre 2013, quando una pattuglia della polizia stradale del Distaccamento di Valle di Cadore ferma D. G. V. 40enne di origine campane ma residente in Lazio al volante di una Chevrolet con targa prova di nazionalità austriaca, di proprietà di B. M., veneto e residente in provincia di Treviso.
Da successive verifiche emergeva che il mezzo risultava immatricolato con targhe nazionali e pertanto le targhe esposte erano da considerarsi abusive. Inoltre il mezzo era privo della carta di circolazione e di assicurazione. Pertanto scattavano le sanzioni al conducente e il veicolo era sottoposto a fermo amministrativo e sequestro.
Qualche tempo dopo il conducente rientrava in possesso come custode del bene sequestrato.
Da ulteriori accertamenti eseguiti dal Distaccamento di polizia di Valle di Cadore, coordinati dal comandante ispettore capo De Mas Elio, risultava che il veicolo era stato venduto ad altra, ignara persona residente in provincia di Padova.
D.G.V. veniva pertanto deferito all’autorità giudiziaria in concorso con l’originario proprietario del mezzo, B. M., per numerose ipotesi di reato, che andavano dalle false dichiarazioni alla mancata osservanza degli obblighi gravanti sui custodi di beni sottoposti a fermi amministrativi.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.