Friday, 15 December 2017 - 19:59

Domenica di trekking e di referendum

Ott 21st, 2017 | By | Category: Dicono di voi, Prima Pagina

Gli amici bellunesi? Li sento stasera per accordarmi per una passeggiata domenicale. Ho grandi idee ed aspettative per la giornata in montagna: un trekking come si deve, con tanto di sosta in baita e rientro a filo del tramonto. Poi il solito rientro nella foschia della pianura. Ogni tanto fa bene a noi sedentari di città sgranchirsi le gambe. La borsa è già pronta, le pedule e i bastoncini già in auto, nello zaino mancano solo le due barrette indispensabili per l’eventuale calo di zuccheri.
Chiamo dopo le 22. Risponde G* che mi dà la conferma: si parte alle otto domenica mattina dalla piazza centrale di D.
Mentre sto per addormentarmi (sono già le 23 e 30) squilla il cellulare: gli amici mi dicono che l’incontro con relativo trekking sulle vette deve saltare. A Belluno città e provincia domenica è giorno di referendum.
L*, la compagna di G*, presiede un seggio ed è occupata l’intero week end, sabato pomeriggio lo è stata per l’insediamento del seggio e la vidimazione con sigla e timbro delle schede e tutta la domenica lo sarà er le operazioni di voto dalle 7 alle 23. A seguire – ad oltranza – lo spoglio delle schede. Doppio l’impegno dei cittadini bellunesi che devono votare per il referendum sull’autonomia della regione Veneto e sulla autonomia della provincia di Belluno.
Al telefono scherzo con gli amici e chiedo loro se dopo il referendum per caso mi sarà necessario il passaporto per andare su da loro in montagna: sorridono e mi confermano che la comunità montana vuole seriamente che si rifletta sulla sua autonomia come altre province qui a nordest. Se il referendum bellunese passa, poi comunque l’iter da affrontare non sarà breve. E che forma avrà l’autonomia? si vedrà. Lo stesso discorso vale anche per tutta la Regione Veneto.
G* non va molto per il sottile e parla di “indipendenza”, confondendo grossolanamente i termini. L*, come sempre più saggia ed equilibrata, dice che sarà necessario affrontare una scelta per volta con cautela e responsabilità.
Non mi resta che attendere l’esito dei due referendum, in particolare di quello bellunese, fiduciosa che gli amici mi accoglieranno di sicuro ancora tra loro e mi porteranno a risalire le vette meravigliose della loro provincia.

Bruna Mozzi

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.